Sindrome metabolica e rischio diabete

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Sindrome metabolica e rischio diabete

20-10-2011 - scritto da Viviana Vischi

La sindrome metabolica può portare al diabete ed è caratterizzata da grasso addominale, ipertensione, trigliceridi e glicemia alti, colesterolo HDL basso. Pensaci subito.

Sindrome metabolica: tutto parte dalla pancetta.

Sindrome metabolica e rischio diabete

Un filo di pancetta può anche essere carino. Ci sono uomini che, in effetti, preferiscono le donne dalle curve morbide rispetto a quelle con gli addominali scolpiti; d’altro canto per molte donne la pancetta maschile può dare una sensazione di sicurezza e affidabilità. Ma, appunto, a patto che la rotondità sia appena pronunciata.


La pancetta è un termine gentile per definire il grasso sull’addome. E, se è tollerabile quando è solo accennata, non lo è più quando diventa ingombrante. Il girovita abbondante non solo non è attraente, ma è poco salutare perché è il sintomo, solitamente, di un’alimentazione sregolata e di uno stile di vita sedentario che, a lungo andare, possono causare guai seri.



Girovita abbondante e sindrome metabolica
La presenza di grasso addominale è infatti il primo campanello d’allarme per la cosiddetta sindrome metabolica, cioè per quell’insieme di fattori di rischio che aumentano le probabilità di malattie cardiache e di altre patologie gravi come il diabete. Attenzione: non stiamo dicendo che chi ha la pancetta sia destinato all’infarto o al diabete! La maggior parte delle persone che ha la sindrome metabolica non è malata, ma ha una maggiore probabilità di diventarlo in futuro rispetto a chi è attento alla linea.



L’insulino-resistenza, l’iperglicemia e il diabete
A scatenare la sindrome metabolica è la resistenza insulinica, cioè quella condizione per cui le cellule diminuiscono la propria sensibilità all’azione dell’insulina. In queste situazioni il pancreas cerca di compensare aumentando il rilascio dell’ormone. Ma, a lungo andare, l’iperinsulinemia porta all’iperglicemia. Da qui al diabete il passo può essere breve.



Come diagnosticare la sindrome metabolica?
Per sapere se e quanto si rischia basta poco. Innanzitutto un metro da sarta: se la circonferenza della vita supera gli 80 cm (per le donne) e i 94 cm (per gli uomini), è meglio sottoporsi agli esami del sangue e della pressione. Per diagnosticare la sindrome metabolica devono essere alterati almeno due di questi altri valori:
colesterolo HDL: meno di 40 mg/dL nell’uomo e meno di 50 mg/dL nella donna
trigliceridi: uguali o superiori a 150 mg/dL
glicemia a digiuno: uguale o superiore a 100 mg/dL
pressione arteriosa: uguale o superiore a 130 (massima)/85 (minima)


Come riportare i valori sotto controllo?
La pressione arteriosa e la glicemia elevata si possono controllare con farmaci che vengono generalmente prescritti dal medico di base. Ma l’intervento principale deve riguardare la linea. La sedentarietà e il sovrappeso sono infatti fattori di rischio modificabili con la buona volontà, con la consapevolezza che, nel caso della sindrome metabolica, è lo stile di vita che può fare davvero la differenza! E’ sbagliato pensare che la sindrome metabolica non sia grave solo perché bastano dieta e attività fisica per controllarla. La sindrome metabolica è potenzialmente molto pericolosa ed è una fortuna che basti così poco per garantirsi un futuro migliore!


Gli integratori alimentari utili nella sindrome metabolica
Sono da poco sul mercato, ma già molto apprezzati per i loro risultati: sono gli integratori alimentari specifici dai componenti mirati per le differenti complicanze della sindrome metabolica. I principi attivi utili allo scopo sono acido alfa-lipoico, acido corosolico, luteina, zeaxantina e cromo picolinato: aiutano a migliorare la sensibilità all’insulina, favorire il controllo del peso, contrastare l’iperglicemia, i radicali liberi e gli AGEs (sostanze che determinano danni al tessuto vascolare). In breve, danno una mano ad allontanare il rischio diabete e quello cardiovascolare.


Tra i prodotti più efficaci contro la sindrome metabolica, contenenti con acido alfa-lipoico, acido corosolico, luteina, zeaxantina e cromo, si distingue Diabeguard. Diabeguard è la risposta naturale alla sindrome metabolica: aiuta a contrastare l’iperglicemia, i processi degenerativi radicalici e favorisce il fisiologico controllo del peso corporeo. Un utile complemento per controllare il rischio cardiovascolare e allontanare il diabete di tipo II.
 

Fai il test sul rischio di sindrome metabolica.



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X