Sindrome dell’ovaio policistico: cos’è?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Sindrome dell’ovaio policistico: cos’è?

27-01-2015 - scritto da Cinzia Iannaccio

L’infertilità può essere causata dalla sindrome dell’ovaio policistico. Scopri i sintomi da non trascurare della PCOS.

Ovaio policistico: l'importanza della diagnosi precoce.

Sindrome dell’ovaio policistico: cos’è?

Conoscete la sindrome dell’ovaio policistico? Io mi ci sono scontrata abbastanza precocemente. Ricordo come se fosse ieri, anche se di acqua sotto i ponti ne è passata molta: ero un’adolescente piena di acne, i miei genitori mi portarono da vari specialisti, senza risolvere la questione, fino a quando si approdò dal ginecologo che, previa ecografia pelvica, sentenziò: “la bambina ha un quadro compatibile con la sindrome dell’ovaio policistico, la causa dell’acne è questa e per migliorare dovrà prendere la pillola, il Diane”.

Cos’era questa sindrome? Una cosa seria? Ci rassicurò dicendo che non si trattava di nulla di grave e che l’acne da lì a poco sarebbe scomparsa. Di fatto così non fu, ma con il passare degli anni mi sono fatta qualche idea in più della cosa: “quadro compatibile” non significa niente e niente avevo, perché la suddetta situazione non l’ho più riscontrata nei numerosi controlli successivi, fortunatamente; di certo ora so che i brufoli possono essere uno dei sintomi, ma non è vero che si tratta di una “questione da nulla”. Non sempre almeno. Per alcune donne affette da sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) la situazione può essere piuttosto complessa ed invalidante. Spiego perché.

Si tratta di un disturbo del sistema endocrino molto frequente nelle donne in età riproduttiva: a livello ecografico si riscontrano gruppi di piccole cisti rigonfie di liquido in ogni ovaia (folicoli). Non se ne conosce la causa precisa, ma se non trattata questa condizione alla lunga può portare a complicanze pericolose, oltre che rendere difficile una gravidanza. La diagnosi precoce è per tale motivo molto importante. Questa avviene in genere proprio grazie ad un’ecografia di routine o soprattutto motivata da alcuni sintomi:

  • Ciclo irregolare: spesso con intervalli superiori ai 35 giorni (anziché mediamente 28) e/o meno di 8 mestruazioni all’anno, amenorrea per più di 4 mesi o un ciclo troppo leggero (o al contrario abbondante e prolungato)
  • Alti livelli di androgeni nel sangue (ormoni maschili come il testosterone) che provocano irsutismo, acne grave in adolescenti o donne adulte, capelli, fini, grassi e che tendono a diradarsi
  • Ovaie policistiche a livello ecografico

Di solito la diagnosi si effettua in presenza di  almeno due di tali condizioni (come fu nel mio caso), a cui vanno poi abbinati dei test ormonali ed altri check a seconda del caso.

Tali sintomi possono iniziare subito dopo la prima mestruazione o in età più avanzata, specie se la donna aumenta di peso. L’obesità può ampliare in modo esponenziale la sintomatologia ed il disagio correlato. Non tutte le donne hanno gli stessi disturbi, ma in presenza di infertilità, cicli irregolari –specie se molto pesanti -  ed acne grave è sempre il caso di consultare uno specialista per vedere se la causa è la sindrome dell’ovaio policistico.

Tale condizione se non trattata alla lunga può predisporre non solo ad infertilità, ma anche a diabete, ipertensione ed ipercolesterolemia.

Se volete saperne di più o dialogare con altre donne con la stessa diagnosi, provate a leggere questa interessante discussione sul tema: ovaio policistico.

Fonte: Mayo Clinic

Foto: Flickr



A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Cistite ricorrente: un problema femminile

Cistite ricorrente: un problema femminile

10/06/2019.   La cistite è la più comune tra le cosiddette IVU (infezioni alle vie urinarie), e sembra che abbia una particolare predilezione per il sesso femminile. Sono le donne, infatti, sia giovani che...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X