Ustioni: quando la pelle scotta…

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Ustioni: quando la pelle scotta…

19-05-2015 - scritto da Viviana Vischi

A casa o in vacanza, una dei rischi per la nostra pelle è quello di ustionarsi lievemente per colpa dei fornelli o del sole.

Tra le lesioni cutanee più fastidiose, ci sono le ustioni minori e gli eritemi solari. Ecco come intervenire.

Ustioni: quando la pelle scotta…

Ustioni e scottature sono tra gli incidenti domestici più frequenti. Per ustione si intende una lesione più o meno estesa della cute, che può interessare anche i tessuti sottostanti. Ve ne sono di diversi tipi, classificabili in base alle possibili cause e all’entità del danno provocato.

 

Le ustioni possono essere causate da:

  • Calore: fiamme, liquidi, oggetti o gas a elevate temperature alterano la struttura e la funzionalità dei tessuti superficiali, provocando morte cellulare
  • Sostanze chimiche: acidi o basi forti possono alterare anche in modo profondo la zona della cute con cui vengono a contatto
  • Elettricità: la corrente elettrica genera calore durante il suo passaggio nel corpo, tra il punto di ingresso e quello d’uscita. Solitamente provoca ustioni limitate ma quando il voltaggio è elevato può determinare una necrosi (morte cellulare) profonda ed estesa
  • Agenti radianti: qualsiasi sorgente di raggi UVA e UVB, come la luce solare e quella artificiale delle lampade abbronzanti, può determinare ustioni di varia entità

 

Inoltre, si suddividono in:

  • Ustioni di primo grado: interessano solo lo strato più esterno della pelle (epidermide) e guariscono senza lasciare cicatrici. Si manifestano sotto forma di arrossamento, lieve gonfiore e dolore
  • Ustioni di secondo grado: raggiungono lo strato intermedio della pelle (derma) e oltre al gonfiore, all’arrossamento e al dolore, sono caratterizzate da piccole vesciche piene di un liquido chiaro, chiamate flittene
  • Ustioni di terzo grado: si estendono fino ai tessuti più profondi (tessuto adiposo e muscolare) danneggiando così i follicoli piliferi, le ghiandole sudoripare e le terminazioni nervose, e comportano necrosi cutanea caratterizzata da croste secche e nere. La pelle appare bianca, rossa o annerita, come se fosse carbonizzata. Anche quando guariscono, lasciano cicatrici e possono dare luogo a gravi complicanze quali infezioni e disidratazione

 

Le gravi ustioni richiedono sempre l’intervento tempestivo da parte di personale medico. Tutte le ustioni di terzo grado e le ustioni di secondo grado più grandi di 5 centimetri di diametro necessitano di un immediato intervento medico. Analogamente, anche le ustioni che interessano i genitali, articolazioni importanti e una parte significativa del viso, delle mani o dei piedi.


Per le ustioni minori e gli eritemi solari di lieve entità, si consiglia di mettere la parte ustionata a contatto con acqua fredda per 10-15 minuti in modo da alleviare il dolore ed evitare la formazione di piaghe. Evitare il contatto diretto con ghiaccio e non usare cerotti, alcol, pomate e unguenti di alcun tipo. Per facilitare il naturale processo di guarigione della cute e mantenere l’area protetta dalla proliferazione dei batteri, è possibile usare una soluzione topica di argento ionico da applicare direttamente sulla ferita.



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X