Allenamento funzionale o ''funzionalmente commerciale''?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Allenamento funzionale o ''funzionalmente commerciale''?

17-01-2015 - scritto da Miky

Allenamento funzionale: parolona? Troppo complesso? Lo fa Belen? Ma è il crossfit? Facciamo chiarezza

La ricerca del funzionalmente commerciale

Allenamento funzionale o ''funzionalmente commerciale''?

Se siete tra coloro che si pongono queste domande, che guardano video sul web di ''allenamento funzionale'', che leggono promozioni in palestra di attività funzionali un mese sì e l'altro pure, ma che si chiedono ''funzionale a che?'', provo a fare un po' di chiarezza.

Partiamo dalla definizione del concetto di allenamento funzionale. Tecnicamente questa metodica è definita come lo svolgere gesti motori che siano rapportabili alla vita quotidiana. Movimenti definiti ''fondamentali'' perchè presenti nella vita di tutti i giorni, come piegarsi, accovacciarsi, spingere, tirare, camminare, correre, spostarsi, girarsi, ecc.. Movimenti che saranno svolti in condizioni variabili, contesti multifattoriali esattamente come nel quotidiano al fine di stimolare capacità come equilibrio, propriocezione, forza, presupponendosi quindi come principale obiettivo quello di migliorare la qualità della nostra vita.

Questa tipologia di allenamento dunque si basa sul ''transfert'', ovvero sulla trasferibilità della motricità svolta in palestra. Ecco, almeno teoricamente. Purtroppo, l'estrema ricerca di ''nuovi metodi'' da una parte e di esasperazione dell'aspetto puramente economico dall'altra, hanno fatto sì che si associ il termine funzionale ad ogni attività circense che venga lanciata sul mercato con il solo scopo di attirare la nostra attenzione.

Spesso, ci capita di assistere ad esercizi che sembrano apparire particolarmente complessi, spettacolari se vogliamo... ma, ora, chiedetevi se quel tipo di gesto motorio, movimento, lo facciate giornalmente nella vita quotidiana. Vi capita spesso di saltare dal basso verso l'alto su 5 step? Mmm, non credo...

Questa volgarizzazione del termine ha portato a confondere volente o nolente il concetto di funzionale, snaturandolo e commercializzandolo. Non ho intenzione alcuna di demonizzare chi svolge attività in palestra come ''il salto dello step'', ma solo di sensibilizzare, di associare il termine funzionale ''in funzione'' del suo scopo (e passatemi il gioco di parole).

Detto questo, vorrei ricordare infine che, sempre in virtù di un aspetto meramente commerciale, spesso allenamenti chiamati ''funzionali'' sono venduti come adatti a tutti e sono svolti in contesti di gruppo che prevedono 20, 25, 30 soggetti appartenenti a diverse fasce d'eta. E' logico capire invece, come la vita quotidiana sia completamente differente in virtù della fascia d'età in cui ci troviamo: ciò che è un gesto motorio quotidiano (e quindi funzionale) per un ragazzo di 20 anni, non lo è certamente per una donna di 45.

Non giochiamo sul termine funzionale, ma facciamo funzionare la ragione.

Categorie correlate:

Fitness, sport, attività fisica




Profilo del medico - Miky

Nome:
Michele
Occupazione:
Istruttore fitness
Specializzazione:
Scienze e tecniche delle attività motorie preventive ed adattate
Contatti/Profili social:
facebook


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X