ARNICA MONTANA

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

ARNICA MONTANA

17-06-2010 - scritto da mariapiera74

Il nome comune della pianta è "Tabacco di montagna, Ptarmica, Margherita di montagna".

Il rimedio omeopatico viene prodotto a partire dalla pianta intera fiorita, compresa la radice.

A cura della
dott.ssa Mariapiera Miele
Medico Chirurgo
Omeopata
Iscritta al Registro Nazionale Medici Omeopati
Socio Ordinario Fiamo

Omeopatia Miele - Napoli, Roma, Benevento, Bambini, Sterilità, Vaccinazione, Allergia, Ansia, Omeopata
info@omeopatiamiele.it
Riceve nelle città di Napoli, Roma, Viareggio e Benevento


ARNICA MONTANA

ORIGINE E PREPARAZIONE

L'Arnica è una pianta che appartiene alla famiglia delle Composite e cresce nei pascoli alpini e nei boschi dei Pirenei, della Siberia e dell'Europa centrale, specialmente in Svizzera e Germania. Predilige i terreni acidi.

Sin dal XVI secolo è stata utilizzata per uso esterno in caso di contusioni o distorsioni; si tramanda che Goethe usasse assumere gocce di Arnica come stimolante cardiaco.
Il rimedio fu sperimentato da Hahnemann.

PRINCIPALI INDICAZIONI
E´ indicato: nei casi acuti e cronici; nei bambini; nelle donne; negli anziani; in caso di traumi, incidenti, interventi chirurgici, affaticamento eccessivo, shock psicologici, spaventi, dispiaceri, emorragia cerebrale, commozione cerebrale, stati infettivi gravi; nei soggetti predisposti a cardiopatie e vasculopatie cerebrali, dal carattere battagliero, dispotico, piuttosto egoista ma fondamentalmente mite e superficiale.
I soggetti che rispondono bene al medicinale negano di essere malati, ignorano la gravità delle loro condizioni. Solitamente preferiscono restare soli e tendono ad essere agitati, irrequieti ed imbronciati. Tratti caratteristici sono la mancanza di concentrazione e la smemoratezza e gli incubi.
Attualmente l'Arnica viene per lo più utilizzata come rimedio di pronro soccorso subito dopo un incidente, un interevento, un lutto, un parto o una terapia odontoiatrica.

QUADRO CLINICO
Il quadro clinico, quindi, insorge dopo eventi traumatici fisici e psichici, in caso di processi infettivi, ictus o cardiopatie.
E´ caratterizzato da: sensazione di indolenzimento e di contusione generalizzati, fragilità capillare, ecchimosi, emorragie, sonnolenza diurna, insonnia notturna, disturbi del sonno con agitazione ed incubi; talvolta febbre, con calore localizzato alla testa e freddo intenso al corpo, alito fetido, aritmie con oppressione precordiale, diarrea con feci di odore fetido, ritenzione urinaria, torpore o stato comatoso con perdita di coscienza.
Dal punto di vista mentale si può sottolineare: la bonarietà, la superficialità, l´egoismo, un atteggiamento di distacco nei rapporti interpersonali, la psicoastenia, le alterazioni dello stato di coscienza, i disturbi della memoria ed i deficit prestazionali, l´ipersensibilità, l´ansia, la depressione e l´apatia.
L'Arnica è in grado di favorire la coagulazione, arrestare le emorragie, facilitare il riassorbimento dell´ematoma, migliorare la circolazione ed accelerare la guarigione dei tessuti traumatizzati.
I pazienti nei quali l'Arnica è indicata sono ipersensibili ai farmaci e ai rimedi omeopatici.

PRINCIPALI MODALIT° DI AGGRAVA>MENTO E MIGLIORAMENTO
Le modalità di aggravamento dei sintomi sono le seguenti:
di sera e di notte, al chiuso, con il clima freddo- umido, ventoso e nuvoloso, con il minimo sfioramento o contatto, con la pressione, con i sobbalzi, con gli sforzi fisici, con il movimento rapido, con l´immobilità completa, con il freddo umido, con il vino,con la luce.
Le modalità di miglioramento sono le seguenti:
con il calore, all´aria aperta, con il riposo, in posizione supina con la testa bassa, cambiando posizione, con il movimento moderato, con le applicazioni freddo-umide, al buio.

PARTO E POST-PARTUM
Vorrei sottolineare l'importanza dell'utilizzo dell'Arnica in gravidanza, ed in particolare durante il aprto ed il post-partum.
Posso affermare, per esperienza, oltre che sulle mie pazienti, su me stessa, che i dolori del parto sono enormemente ridotti con la somministrazione dell'Arnica fin dai primi momenti dall'inizio del travaglio. L'Arnica è fondamentale per un travaglio dolce, proprio perchè è adatto agli eventi traumatici. E cosa c'è di più traumatico del parto?
E' di aiuto enorme anche per i dolori del post-partum, perchè anche in quel caso aiuta la neomamma in quel periodo particolare durante il quale l'utero deve piano piano tornare alle sue dimensioni originarie. Anche quello in fondo è un trauma.

Profilo del medico - mariapiera74

Nome:
MARIAPIERA MIELE
Comune:
Napoli
Telefono:
3318002774
Professione:
Medico specialista attività privata
Occupazione:
Medico Omeopata
Specializzazione:
Medicina alternativa
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X