Cibi fritti, un rischio per il cuore

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Cibi fritti, un rischio per il cuore

17-03-2015 - scritto da Cinzia Iannaccio

Fritture: l’abuso aumenta il rischio di insufficienza cardiaca.

Studio scientifico conferma: consumare cibi fritti fa male alla salute.

Cibi fritti, un rischio per il cuore

Lo sapevamo già da tempo: mangiare cibi fritti con regolarità non è un toccasana per la salute, anche se non si fa in fast food, ma a casa cambiando ogni volta l’olio per la cottura. Ora è arrivata l’ennesima conferma scientifica che correla tale “vizio” alimentare ad un deciso aumento del rischio di insufficienza cardiaca: pensate, stiamo parlando del 68% in più!

A stabilire il tutto, uno studio su vasta scala l’Health Study Physicians che ha analizzato i dati di oltre 15.000  uomini di 66 anni come età media: per ben 3 anni sono stati somministrati ai volontari dei questionari circa la loro alimentazione settimanale e sono stati eseguiti dei follow –up a distanza di tempo. Dopo 10 anni, numerosi i casi di insufficienza cardiaca riscontrata. Questa patologia comporta una ridotta funzionalità del muscolo cardiaco che non riesce più a pompare abbastanza sangue in tutto l’organismo e rappresenta una delle più importanti cause di morte al mondo: tra le sue complicanze infatti troviamo infarto, ictus, insufficienza renale e/o epatica.

Di fatto questo lavoro pur non dimostrando un diretto rapporto di causa-effetto, tra il consumo di fritti e la malattia cardiaca,  suggerisce come concreto atto di prevenzione evitarne l’abuso.

Gli esperti spiegano infatti che il consumo di ciambelle, pollo, cipolle o pesce fritti non fanno bene non tanto per il tipo di cottura, ma perché sono alimenti grassi ed ipercalorici: conducono direttamente sulla strada del sovrappeso, se non dell’obesità, dell’ipertensione, dell’ipercolesterolemia e conseguentemente delle malattie cardiovascolari. Questo non significa abolire totalmente i cibi fritti, ma semplicemente di non farne un’abitudine quotidiana o anche solo settimanale!

Senza dimenticare che chi è avvezzo a questo tipo di alimentazione -come ha documentato lo studio- abitualmente consuma più proteine animali, con maggiori quantità di carne rossa e cibi trasformati, a scapito di frutta, verdure (e legumi) che invece sono “alimenti amici del cuore”.

Lo studio è stato presentato in questi giorni in un congresso dell'American Heart Association.

Foto: Flickr

 



A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X