ForumSalute

Cutting e disagio giovanile

Cutting e disagio giovanile

08-07-2014 - scritto da Prof.ssa Virginia A. Cirolla

In Italia sono 150 mila i ragazzi che si tagliano per sfogare il proprio stress, sentirsi vivi e lanciare la richiesta di essere ascoltati

Il cutting: il nuovo volto del disagio giovanile e adolescenziale in Italia

Cutting e disagio giovanile Nel cutting i giovani agiscono in modo silente, si fanno del male in totale solitudine e sono abili nel nasconderlo a chi li circonda. Realizzano nell’autolesionismo l’unico modo per sentirsi vivi, per dire a se stessi che ci sono, che hanno una fisicità, un corpo da segnare indelebilmente, un teatro di guerra dove imprimere il ricordo – con una cicatrice – delle proprie battaglie esistenziali, che spesso temono di non sapere affrontare né tanto meno vincere.

Sono i ragazzi “cutter” che si tagliano cosce, braccia, ventre, caviglie con un taglierino, un vetro, delle forbici. Tutti punti strategici facilmente occultabili dagli indumenti.

Ecco il nuovo triste volto che va assumendo il disagio giovanile e adolescenziale in Italia. Perché diventare adulti è difficile, ci si sente fagocitati dalle responsabilità, lasciati soli da genitori troppo distratti e per questo in balia della società, dei giudizi altrui, dell’individualismo dilagante che non lascia spazio ad una vera e autentica socialità, se non al suo surrogato, nei Social Network.

La paura di non essere accettati dal gruppo è tanta, e tagliarsi allora acquisisce per loro un significato simbolico, diventa un segno di appartenenza a qualcosa. Non si tratta, quindi, di una forma di esibizionismo che cerca solo di attirare l’attenzione degli adulti; in quelle cicatrici si cela un messaggio ben più profondo, più eloquente di molte parole che non trovano più spazio all'interno di molte famiglie dove regna l’incomunicabilità.

Il disagio sociale innesca nei più giovani la necessità di sfogare il proprio stress facendosi del male, e riuscire così a placarlo momentaneamente.

Sbaglia chi, superficialmente, giudica questi dei segnali plateali che preannunciano un tentato suicidio. Il ragazzo che si autolesiona in realtà vuole vivere, ma non sa come riuscirci.

Una recente indagine effettuata su un campione di ragazzi tra i 13 e 18 anni provenienti da Bari, Messina, Perugia e Bologna ha messo in rilievo che sono 150 mila gli adolescenti che si infliggono punizioni corporali per manifestare il proprio disagio. Esperti psichiatri e psicologi consigliano il dialogo e la pazienza quali unici possibili metodi in grado di attutire il dolore di questi ragazzi, bisognosi di essere ascoltati, non giudicati.

www.studiomedicocirolla.it


Prof.ssa Virginia A.Cirolla
MD,PhD in Experimental And Clinical Research Methodology in Oncology Department of Medical and Surgical Sciences and Translational Medicine "Sapienza" University of Rome
National President A.I.S.M.O. ONLUS
www.studiomedicocirolla.it
www.aismo.it

Profilo del medico - Prof.ssa Virginia A. Cirolla

Nome:
Virginia Angela Cirolla
Comune:
ROMA
Telefono:
0645477448 3396769115, 3930944388, 3335230409
Azienda:
A.I.S.M.O. ONLUS
Professione:
Ricercatore
Posizione:
PRESIDENTE NAZIONALE
Occupazione:
MEDICO CHIRURGO SENOLOGO/TITOLARE CENTRO DI FORMAZIONE ANFOS/DIRETTORE SANITARIO A.I.S.M.O. ONLUS
Specializzazione:
Oncologia Medica, Medicina alternativa, Chirurgia generale, Perf in Ecografia, Senologia, Master Format. ANFOS, Master Agopuntura, Dottorato Ricerca Oncologica
Contatti/Profili social:
email email sito web facebook twitter google plus linkedin


Articoli che potrebbero interessarti

Pancia gonfia: il segreto di Camilla

Pancia gonfia: il segreto di Camilla

Da qualche tempo faccio una specie di incubo ad occhi aperti: sono seduta in mezzo a una marea di gente che non conosco, ad un certo punto mi alzo, prendo un microfono e , con voce forte e chiara, dico: “Mi chiamo Camilla, ho 27...

30/11/2017 - scritto da Paola P.

Riflessioni su Lorenzo, un bimbo obeso

Riflessioni su Lorenzo, un bimbo obeso

  Lorenzo (nome di fantasia) è un bambino come tanti: ha quasi 11 anni, frequenta la prima media dove eccelle in storia e geografia, ama il suo cane Rocky, è curioso, simpatico, un asso ai videogames. Lorenzo...

23/11/2017 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X