Coronavirus: identificare uno spazio al sicuro in casa

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Coronavirus: identificare uno spazio al sicuro in casa

18-03-2020 - scritto da Dr. Silvio Presta

Ecco la prima delle strategie per gestire la paura da Coronavirus e affrontare lo stress di questi giorni.

Da psichiatri e psicologi alcuni semplici esercizi per gestire la paura.

 

Allarmato, preoccupato, impotente, vulnerabile: probabilmente anche tu ti senti così di fronte alla nuova e sconvolgente situazione generata dalla pandemia di Coronavirus. Nel precedente articolo abbiamo visto come come il sistema nervoso può rispondere allo stress e al pericolo. Oggi cominciamo a scoprire alcuni semplici esercizi suggeriti dagli psicoterapeuti comportamentisti che possono aiutarti a comprendere meglio, in concreto, il funzionamento del tuo corpo e a trovare le più opportune strategie di gestione della paura. Partiamo con il primo esercizio!

 

#1 IDENTIFICARE UNO SPAZIO AL SICURO IN CASA

 

Rimanere forzatamente dentro casa può attivare delle risposte di allarme, e anche la casa, che di solito è percepita un nido dove tornare, può essere percepita da qualcuno come una “trappola”. Usa questo esercizio per ridare una sensazione piacevole e confortevole all’essere e allo stare nella tua casa.

 

Cerca dentro casa un posto speciale dove ti senti al sicuro: può essere la camera da letto, la stanzetta dei tuoi figli, il divano, la cucina. Osserva in modo curioso in quale parte della casa ti senti più a tuo agio e cerca di notare quali sono le sue caratteristiche: oggetti, odori, colori, luce.

 

Scegli una caratteristica alla volta, ad esempio un oggetto, e osservalo, tienilo in mano se è possibile, sentine la consistenza, nota le sensazioni corporee di sicurezza e calma che ti dà questo oggetto e i ricordi positivi che sollecita. Cosa succede nel tuo corpo? Diminuisce la tensione, il respiro è più regolare, hai una sensazione di calore, arriva un sorriso?

 

Ok, ora metti da parte pensieri ed emozioni, e rimani in contatto solo con le sensazioni corporee positive che questo oggetto ti attiva. Se si tratta di un luogo e non di un oggetto, osserva cosa di questo luogo ti fa sentire in una situazione di comfort e fai lo stesso esercizio, nota tutte le sensazioni corporee che emergono.

 

Se osservi un aumento del battito o della respirazione (quindi sei in iperattivazione del sistema simpatico) o se invece senti tristezza, come se le spalle “cadessero sotto un peso impossibile” che le attira verso il basso (ipoattivazione), allora significa che devi cambiare luogo od oggetto: dovrai ricominciare la tua esplorazione nella casa alla ricerca del tuo angolo e oggetto sicuro.

 

E ora, scopri altri esercizi!

Categorie correlate:

Psiche, psicologia




Dr. Silvio Presta, Specialista in Psichiatria, Dottore di Ricerca in Neuropsicofarmacologia Clinica, Perfezionato in Psicopatologia dello Sviluppo e Farmacologia e Farmacoterapia dei Disturbi d'Ansia.

Profilo del medico - Dr. Silvio Presta

Nome:
Silvio Presta
Comune:
Pistoia
Provincia:
PT
Azienda:
Studi Medici Arcobaleno
Professione:
Psichiatria
Specializzazione:
Psichiatria, Psicopatologia dello Sviluppo, Farmacologia e Farmacoterapia dei Disturbi d'Ansia
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Cos'è il sonno e perché dormiamo?

Cos'è il sonno e perché dormiamo?

02/07/2019.   Cos’è il sonno, come è fatto il suo ciclo e perché ogni giorno dedichiamo parte del nostro tempo a dormire? Prima di rispondere a queste domande, cerchiamo di capire perché è importante...

Psiche, psicologia

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X