Coronavirus: riconoscere il tuo funzionamento

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Coronavirus: riconoscere il tuo funzionamento

18-03-2020 - scritto da Dr. Silvio Presta

Ecco la seconda delle strategie per gestire la paura da Coronavirus e affrontare lo stress di questi giorni.

Da psichiatri e psicologi alcuni semplici esercizi per gestire la paura.

 

Nel precedente articolo ti abbiamo parlato del primo esercizio che può aiutarti a trovare le più opportune strategie di gestione della paura e dello stress da Coronavirus. Ora ti diamo altri consigli, mirati a capire come risponde il tuo sistema nervoso alle situazioni che in generale ti producono tensione e agitazione.

 

#2 RICONOSCERE IL TUO FUNZIONAMENTO

 

E’ importante che impari a riconoscere le risposte generate dal tuo sistema nervoso autonomo simpatico (il “pedale dell'acceleratore”) e parasimpatico (quello del “freno”).

 

STEP 1: ELENCO DELLE RISPOSTE FISIOLOGICHE IN CONDIZIONI NORMALI

Prova a pensare a una situazione in cui di solito sei rilassato, cosa accade di solito nel tuo corpo? Come ti accorgi che sei rilassato? Quali sono i segnali del tuo corpo che te lo dicono? Sei in grado di rilassarti bene o c’è sempre un pochino di tensione che non riesci a lasciare andare? Fai un elenco di segnali corporei.

 

STEP 2: RICONOSCERE I SEGNI FISICI DI IPERATTIVAZIONE E IPOATTIVAZIONE

Adesso prova a immaginare una situazione disturbante, e osserva come il corpo partecipa a questo pensiero: cosa noti? Aumenta il battito cardiaco? Aumenta la respirazione? O diminuiscono?

Prova a disegnare il tuo corpo. Colora in rosso le parti del corpo che senti attivate e in tensione (iperattivazione), e in nero quelle che senti come se fossero “spente” (ipoattivazione). Sai, quando il livello di stress diventa eccessivo, le risposte di iperattivazione e ipoattivazione possono peggiorare e disregolarsi, così come le emozioni.

 

I sintomi che indicano un eccesso di accelerazione sono:

  • Sudorazione
  • Irrequietezza
  • Tremore
  • Respiro veloce/affannato
  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Parlare velocemente
  • Sguardo ipermobile e pupille dilatate

 

I sintomi che invece indicano un eccesso di freno sono:

  • Sudorazione fredda
  • Sensazione di stordimento o di svenimento
  • Incapacità di mantenere l'attenzione
  • Respiro lento/leggero
  • Diminuzione della frequenza cardiaca
  • Voce bassa e narrativa scarsa
  • Sguardo verso il basso e occhi in chiusura

 

E ora, scopri altri esercizi!

Categorie correlate:

Psiche, psicologia




Dr. Silvio Presta, Specialista in Psichiatria, Dottore di Ricerca in Neuropsicofarmacologia Clinica, Perfezionato in Psicopatologia dello Sviluppo e Farmacologia e Farmacoterapia dei Disturbi d'Ansia.

Profilo del medico - Dr. Silvio Presta

Nome:
Silvio Presta
Comune:
Pistoia
Provincia:
PT
Azienda:
Studi Medici Arcobaleno
Professione:
Psichiatria
Specializzazione:
Psichiatria, Psicopatologia dello Sviluppo, Farmacologia e Farmacoterapia dei Disturbi d'Ansia
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Cos'è il sonno e perché dormiamo?

Cos'è il sonno e perché dormiamo?

02/07/2019.   Cos’è il sonno, come è fatto il suo ciclo e perché ogni giorno dedichiamo parte del nostro tempo a dormire? Prima di rispondere a queste domande, cerchiamo di capire perché è importante...

Psiche, psicologia

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X