Emorroidi, le cause e come trattarle

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Emorroidi, le cause e come trattarle

02-11-2015 - scritto da Paola Perria

Possono essere esterne o interne, ma sempre molto dolorose. Scopriamo come curare le emorroidi.

Cosa provoca le emorroidi e come si possono prevenire?

Emorroidi, le cause e come trattarle

Le emorroidi sono molto frequenti, colpiscono in modo trasversale sia uomini che donne in diverse età della vita, anche se sono più comuni nella maturità. A causa di sforzi o di cedimenti dei tessuto del pavimento pelvico o del canale rettale, piccole porzioni di mucosa del colon fuoriescono dalla loro sede, infiammandosi.

Alla vista le emorroidi appaiono come dei cuscinetti carnosi morbidi che circondano a grappolo l’orifizio anale. Dal momento che questo tessuto è copiosamente vascolarizzato, una volta che esso fuoriesce dalla sua sede interna tende a gonfiarsi, irritarsi e sanguinare, provocando dolore e difficoltà a stare seduti.

Le emorroidi, però, possono essere anche interne, e in questo caso il tessuto prolassato non fuoriesce ma si infiamma e sanguina ogni volta che si evacua e si effettuano semplici sforzi, come ad esempio tossire o starnutire.

Per quali ragioni si formano le emorroidi? Ci sono dei fattori scatenanti, tra cui:

  • La gravidanza (a causa del peso dell’utero che ingrossandosi va a premere sulla parte finale dell’intestino) e il parto (per via dello sforzo)
  • Predisposizione ereditaria
  • Difetti della circolazione periferica, mancanza di tono dei vasi sanguigni e tendenza alle varici
  • Stipsi ostinata, feci dure e difficili da espellere
  • Obesità
  • Problemi di coagulazione del sangue

 

Le emorroidi sono in genere molto dolorose, ma vediamo quali sono gli altri sintomi che accompagnano questi prolassi di tessuto anale:

  • Sanguinamento dopo l’evacuazione e, talvolta, anche a riposo. Il sangue appare di color rosso vivo
  • Bruciore e dolore intenso durante la defecazione
  • Dolore che si irradia fino alla porzione superiore del colon quando si sta a lungo in piedi o  si effettuano sforzi
  • Dolore e difficoltà a stare seduti

 

A seconda della gravità, delle dimensioni e della posizione lungo il canale rettale e alla loro recidività, le emorroidi si possono catalogare in:

  • Emorroidi di I grado: emorroidi interne non prolassate, il disturbo è lieve e spesso l'unico sintomo è il sanguinamento
  • Emorroidi di II grado: prolassamento lieve e temporaneo che rientra da solo
  • Emorroidi di III grado: prolasso più evidente che si può far rientrare con manovra manuale
  • Emorroidi IV grado: emorroidi con prolasso cronico e tumefazione della mucosa anale

 

La terapia contro le emorroidi dipende dalla loro gravità, ma soprattutto dalla loro tendenza a recidivare. In questo secondo caso si parla di malattia emorroidaria propriamente detta, un disturbo che si manifesta soprattutto nell’anzianità e che può necessitare, per essere risolto definitivamente, di una soluzione chirurgica più o meno invasiva. 

Ma prima di giungere a queste soluzioni, è possibile agire con i farmaci. Sono disponibili in commercio molti prodotti ad uso topico – sia pomate a base di cortisone che non – utili per alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione e la tumefazione. Tra le pomate, le supposte e i gel più efficaci possiamo citare quelli a base di comuni cortisonici ben tollerati - idrocortisone, fluocinolone, fluocortolone – che svolgono funzione sfiammante e anestetizzante. Per alleviare il dolore si possono usare anche pomate "storiche" anti-emorroidi a base di lidocaina o benzocaina.

Naturalmente esistono anche prodotti non cortisonici e non farmacologici a base naturale che possono essere utilizzati senza effetti collaterali di sorta  anche in gravidanza, ad esempio il gel a base di aloe vera, astringente, rinfrescante e cicatrizzante, e le pomate a base di malva, camomilla, avena, ippocastano, calendula e hamamelis.

Come anticipato, le emorroidi tendono e ripresentarsi, per tale ragione la cura migliore è rappresentata dalla prevenzione. Rinforzare il tono dei piccoli vasi e l’elasticità delle mucose, ad esempio, è già un buon modo per ridurre la probabilità che si formino questi fastidiosi prolassi. Una dieta ricca di antiossidanti, come quelli contenuti nei frutti rossi (ciliegie, mirtilli, ribes), di fibre e probiotici che favoriscano il riequilibrio della flora intestinale e la naturale regolarità, è altresì necessaria. E’ importante combattere la stipsi anche facendo più moto e dimagrire se in sovrappeso. Quando le emorroidi sono in fase acuta, e il dolore è intenso così come il sanguinamento, è opportuno astenersi dal consumo di alcuni cibi, soprattutto quelli che hanno un effetto vasodilatatore, come le spezie e il peperoncino rosso in particolare, il cioccolato e le bevande alcoliche.  

 

Foto | via Pinterest

 

Potrebbero interessarti anche:

Fai il test e scopri se sei a rischio emorroidi

Scarica l'ebook sulle emorroidi

Malattie colo-proctologiche e guida di auto e moto



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X