La salute degli occhi passa dagli antiossidanti

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

La salute degli occhi passa dagli antiossidanti

23-06-2016 - scritto da Angela Nanni

Lo stress ossidativo causato dai radicali liberi e dall’invecchiamento è responsabile di pericolose malattie dell’occhio. Gli antiossidanti sono un aiuto prezioso per combatterlo.

Occhi, stress ossidativo e patologie legate all'invecchiamento.

Si vive di più e in un ambiente peggiore. Questo è un dato di fatto. E l’aumento dell’aspettativa di vita, parallelo a quello dell’inquinamento, dello stress e delle cattive abitudini come il fumo, il sovrappeso e la sedentarietà, è una realtà che ha portato a convivere con malattie che fino a pochi decenni fa erano poco diffuse. Tra queste, le patologie oculari.

 

Oggi fra i disturbi della vista più comuni si annoverano la cataratta, il glaucoma e la degenerazione maculare, tutti disturbi tipici dell’età avanzata che, se non correttamente prevenuti e trattati, possono peggiorare sensibilmente la qualità della vita di chi ne soffre. Molto diffusa è anche la retinopatia diabetica, una grave complicanza del diabete che compromette la funzionalità della retina e che, in età lavorativa, costituisce la prima causa di ipovisione e cecità nei paesi sviluppati.

 

Tutte queste condizioni, che con il passare del tempo possono compromettere la vista, sono favorite dall’azione dannosa dei radicali liberi.

 

stress occhio

 

Radicali liberi ed occhi

Il corpo umano durante il corso della vita è continuamente esposto all’azione dei radicali liberi, molecole altamente instabili e reattive che, a lungo andare, possono danneggiare i tessuti su cui agiscono. Quando i radicali liberi non vengono più correttamente neutralizzati, anche a causa del trascorrere del tempo, si parla di stress ossidativo, una condizione potenzialmente pericolosa. Il discorso vale per la pelle, per gli organi interni e naturalmente anche per gli occhi che, per la loro fisiologica struttura e per il continuo contatto con l’ambiente esterno, sono particolarmente soggetti ai danni causati da queste sostanze.

 

I radicali liberi contenenti ossigeno vengono chiamati ROS (Reactive Oxigen Species), sono i più diffusi e, per quanto riguarda gli occhi, tendono ad accumularsi a livello della retina e del cristallino. 

 

Lo stress ossidativo degli occhi

Il termine stress ossidativo è largamente utilizzato per indicare il deterioramento provocato a tutti i livelli dai radicali liberi, quando la loro concentrazione aumenta eccessivamente. Lo stress ossidativo degli occhi è naturalmente innescato dall’esposizione alla luce, ma è un fenomeno aggravato e accentuato anche dalla continua esposizione ai dispositivi elettronici come computer, tablet, tv e smartphone che stressano la retina per molte ore al giorno.

 

Per combattere i radicali liberi ROS è fondamentale l’aiuto dei cosiddetti antiossidanti, cioè di sostanze in grado di proteggere l'organismo dalla loro azione negativa e dai danni dell’invecchiamento precoce.

 

carote

 

Dove si trovano gli antiossidanti

Gli antiossidanti si trovano in molti alimenti salutari, principalmente la frutta e la verdura, che andrebbero mangiati sempre, fin da piccoli e per tutta la vita, proprio per proteggere la salute dell’organismo in generale e degli occhi in particolare. Il betacarotene contenuto nelle carote, il licopene del pomodoro, la vitamina C di cui sono ricchi gli agrumi e il resveratrolo dell’uva sono solo alcuni esempi che possono conoscere più o meno tutti. Quello che, invece, non tutti sanno è che i più importanti antiossidanti sono quelli endogeni, cioè che vengono prodotti dall’organismo stesso, grazie al suo intelligente sistema di difesa. Si tratta per lo più di sostanze dai nomi difficilissimi, come glutatione, superossido dismutasi e catalasi.

 

Un occhio acciaccato proprio a causa dell’invecchiamento e dello stress ossidativo, va aiutato a rafforzare la sua solida “barriera” antiossidante per potersi difendere da solo, e l’alimentazione potrebbe non bastare. Per questo possono essere molto utili integratori alimentari specifici per gli occhi: contengono acido lipoico, luteina, zeaxantina, resveratrolo, N-AcetilCisteina, selenio, zinco, cromo e tanti altri elementi in grado di contrastare i radicali liberi ROS, proteggere le cellule dall’invecchiamento e contribuire a mantenere una normale capacità visiva.

 

Ma quali sono le patologie per cui gli antiossidanti possono essere un’arma di difesa formidabile?

 

La cataratta

La cataratta è legata all’invecchiamento, ma anche il fumo costituisce un importante fattore di rischio per il suo sviluppo: la sua insorgenza si può prevenire o comunque ritardare negli anni in particolare con l’introduzione di vitamine e della luteina in grado, quest'ultima, di assorbire le radiazioni luminose dannose. Per questo motivo l’alimentazione dovrebbe essere ricca di oli vegetali, agrumi e frutta secca come noci, nocciole e mandorle; costituiscono una buona fonte di luteina gli spinaci, l’insalata verde, i piselli e i porri. In caso di carenze o aumentato fabbisogno, si può ricorrere ad integratori specifici.

 

La degenerazione maculare senile

La degenerazione maculare legata all’età costituisce la più comune causa di cecità nelle persone con più di 55 anni nel mondo occidentale: fra i principali fattori di rischio che concorrono alla sua comparsa troviamo l’obesità, l’età avanzata, il sesso femminile. Nei pazienti affetti da degenerazione maculare senile sono stati riscontrati livelli di antiossidanti inferiori alla norma. Anche in questo caso, a supporto dell’alimentazione possono essere utili gli integratori specifici per gli occhi.

 

Il glaucoma

Il glaucoma è una malattia che si associa con un aumento della pressione endoculare: i controlli periodici sono importantissimi dal momento che non è possibile prevenire questa patologia con l’alimentazione, ma di sicuro i pazienti che possono vantare una dieta particolarmente ricca di antiossidanti come quelli contenuti nei flavonoidi, ovvero ricca di te verde, agrumi, cioccolato fondente e soia riescono a meglio tenere sotto controllo la loro patologia, in quanto le terapie farmacologiche o chirurgiche messe in atto per risolvere la problematica risultano più efficaci. A maggior ragione, a patologia conclamata gli integratori contenenti antiossidanti possono essere un aiuto realmente efficace.

 

La retinopatia diabetica

La retinopatia diabetica è una patologia per cui si assiste a un progressivo deterioramento della retina a causa di una glicemia non correttamente tenuta sotto controllo e dell’accumulo di radicali liberi ROS. Il disturbo si previene mantenendo sempre nel range consigliato sia la glicemia che i valori di emoglobina glicata, un marker importante per comprendere quanto è efficace la terapia antidiabetica seguita. Importantissimo è anche combattere lo stress ossidativo grazie all’alimentazione e all’utilizzo di integratori che diano modo al sistema di difesa antiossidante di proteggere meglio la salute degli occhi.

 

In conclusione

Tutte le patologie degenerative dell’occhio collegate allo stress ossidativo si possono tenere più efficacemente alla larga oppure, una volta manifestatesi, controllare meglio seguendo una dieta adeguata, ricca di tutti i macro e micronutrienti e facendo molta attenzione soprattutto all’introito quotidiano di antiossidanti. Optare per una dieta sana e equilibrata, ricorrere anche all’uso di integratori nutrizionali specifici quando la dieta non è sufficientemente variata e ricca di tutti i micro e macronutrienti, tenere sotto controllo il peso corporeo, svolgere regolarmente attività fisica sono tutte precauzioni indispensabili per invecchiare bene, preservare la salute di tutti gli apparati, compreso quello visivo, e tenere a bada lo stress ossidativo.



A cura di Angela Nanni, Farmacista iscritta all'Albo dal 2005 e Redattore medico scientifico freelance.
Profilo Linkedin di Angela Nanni
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.

Profilo del medico - Angela Nanni

Nome:
Angela Nanni
Occupazione:
Farmacista, Specialista in comunicazione medico scientifica
Specializzazione:
Farmacia
Contatti/Profili social:
email


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X