Le proprietà benefiche dei cetrioli

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Le proprietà benefiche dei cetrioli

24-07-2015 - scritto da Paola Perria

Squisiti ortaggi estivi, i cetrioli sono croccanti, ipocalorici e diuretici: ideali per insalatone golose e rinfrescanti.

Ricchi di acqua e minerali, i cetrioli aiutano a combattere caldo e disidratazione.

Le proprietà benefiche dei cetrioli

Non c’è insalata estiva che non preveda i cetrioli, ma questo delizioso ortaggio compare in moltissime ricette mediterranee, come la panzanella toscana o il gazpacho andaluso, per non citare la gustosa e freschissima salsa tzatziki greca a base di yogurt. Insomma, comunque lo vogliamo utilizzare, il cetriolo, ortaggio della famiglia delle cucurbitacee (la stessa di zucchine e anguria), è sempre un gran piacere per il palato.

Cosa contraddistingue questo ottimo prodotto della terra, quali sono le sue proprietà nutritive più importanti?

La prima qualità che riconosciamo ai cetrioli è il loro ricchissimo apporto di acqua. Non a caso stiamo parlando di una delle verdure più dissentanti che esistano, in grado di placare l’arsura ma anche di ripristinare i livelli di minerali nel corpo, persi a causa del sudore.

Potassio, rame, manganese, magnesio, ferro, fosforo e rame sono alcuni dei preziosi oligominerali presenti nel cetriolo, che però apporta anche vitamine, tra cui la K (che promuove l‘assorbimento del calcio a livello osseo), la C, alcune del gruppo B e la A.

Una specifica proprietà dei cetrioli è quella di essere tra gli ortaggi più diuretici che esitano, sia perché ricchissimi di acqua, come abbiamo visto (il 95% del totale), che perché poveri di sodio. Per tale ragione mangiarne aiuta a combattere la ritenzione idrica e a migliorare la funzionalità renale.

Se queste virtù benefiche vi sembrano “poca cosa”, allora state a sentire a quali altri effetti positivi sulla salute in generale è stato associato il consumo di questo ortaggio mediterraneo:

  • Prevengono il declino cognitivo. I cetrioli contengono un antiossidante, il fisetin, che secondo alcuni studi scientifici è in grado di rallentare la perdita della memoria e il declino delle abilità cognitive tipica dell’invecchiamento proteggendo in tal modo la salute delle cellule cerebrali
  • Combattono la stitichezza e fanno bene all’intestino. Le fibre dei cetrioli possono aiutare a sfiammare le mucose intestinali e a migliorare la funzionalità dei quest’organo
  • Abbassano la pressione. Grazie al basso contenuto in sodio e ad un buon apporto di potassio ì cetrioli migliorano la risposta cardiocircolatoria e quindi contribuisce  a mantenere il cuore in salute fungendo da cardiotonici naturali
  • Sono coadiuvanti nelle diete dimagranti e depurative. 100 grammi di cetrioli apportano solo 16 calorie, il che li rende perfetti in qualunque dieta dimagrante, anche per il concomitante effetto depurativo e diuretico. Inoltre il loro potere saziante è notevole, per questa ragione i dietologi consigliano spuntini a base di cetrioli anche quando si soffra di fame nervosa e si venga presi spesso e volentieri dal desiderio improvviso di mangiare qualcosa fuori pasto
  • Abbassano la glicemia. La buccia dei cetrioli (meglio acquistarli bio), contiene delle sostanze stimolanti della funzionalità pancreatica e della produzione di insulina, pertanto questo ortaggio è consigliato ai diabetici e a tutti coloro che sono a rischio a causa di una glicemia troppo elevata
  • Sono anti tumorali. Mangiare cetrioli può neutralizzare in parte l’azione cancerogena di alcuni composti alimentari tossici come quelli derivanti da cotture ad alte temperature (frittura o grigliatura), o da sostanze chimiche e conservanti presenti in alcuni alimenti come ad esempio i  nitrati dei salumi. Inoltre i cetrioli hanno effetto antinfiammatorio e pertanto riducono la probabilità che si inneschino processi di proliferazione cancerosa da infiammazione

 

A fronte di tutte le numerose virtù benefiche che possiedono, e oltre al fatto che si tratti di un alimento light,  paradossalmente per molte persone i cetrioli risultano indigesti, proprio per le fibre che contengono. Come fare per poterli gustare senza che poi si “ripresentino” a più riprese in fase digestiva, come un boccone che proprio non va giù? Il rimedio c’è, ed è molto semplice: dovrete affettare il vostro cetriolo e cospargerlo di sale. Fate passare 30 minuti e poi risciacquate per bene le fettine. A quel punto consumate il cetriolo come più vi aggrada. Un altro accorgimento per rendere più digeribili i cetrioli è quello di non consumarli interi ma sotto forma di centrifugato, magari con altra verdura o frutta. Un esempio? Cetriolo, mela verde e zenzero in polvere: un concentrato di freschezza che depura e idrata.

 

Foto | via Pixabay.com 

 



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X