Pediculosi nei bambini: come prevenire ed eliminare i pidocchi

Pediculosi nei bambini: come prevenire ed eliminare i pidocchi

16-04-2018 - scritto da Paola Perria

L’infestazione da pidocchi è comune nei bambini in età scolare, ma eliminare i parassiti è facile e indolore.

La pediculosi è diffusa oggi come ieri, scopriamo come eliminare pidocchi e uova rapidamente.

 

Pediculosi è il termine medico che indica l’infestazione da pidocchi, uno spauracchio delle mamme e dei papà con bimbi piccoli. La prima infanzia è in effetti il momento della vita in cui è in assoluto più frequente diventare ricettacolo di questi minuscoli parassiti, e non certo per scarsa igiene, come saremmo tentati di pensare. In effetti la pediculosi nelle scuole materne e nelle primarie è diffusa oggi quanto ieri, ma è anche molto facile da stroncare.

 

Vediamo, per prima cosa, di capire che cosa sono esattamente i pidocchi, e come si trasmettono. Si tratta di insetti parassiti che proliferano esclusivamente sulla cute umana dotata di peluria, e quindi in particolare sul cuoio capelluto, questo perché essendo provvisti di zampette uncinate, si agganciano ai capelli e così ben radicati sono in grado di procurarsi il nutrimento di cui hanno bisogno: il sangue umano. Il tutto rilasciando un liquido che ha un effetto pruriginoso (ecco spiegato perché la pediculosi si manifesta con un intensissimo prurito).

 

Una volta insediatisi nella testa di qualcuno, i pidocchi si accoppiano e depositano delle uova, dette lendini, che si attaccano alle radici dei capelli o dei peli grazie ad una sostanza collosa, e si schiudono dopo circa una settimana. Schiudendosi i lendini danno alla luce le ninfe, pidocchi immaturi che nel giro di una settimana diventano adulti e si riproducono a loro volta. A quel punto l’infestazione diventa davvero estesa, perché ciascun pidocchio femmina è in grado di deporre una media di 5 uova al giorno. E' facile allora immaginare come in pochissimo tempo ci si ritrovi la testa piena di parassiti!

 

Come si trasmettono i pidocchi da una testa all’altra? Occorre un contatto ravvicinato, situazione comune tra i bambini quando giocano o interagiscono tra di loro. Un altro modo per prendere la pediculosi è attraverso lo scambio di oggetti per l’igiene personale: asciugamani, spazzole, pettini, biancheria.

 

Una volta stabilito di essere affetti da pediculosi, come ci si sbarazza degli ospiti sgraditi nel tempo più rapido e indolore possibile? Ci sono diversi modi, alcuni più “chimici”, altri più naturali, ma comunque tutti efficaci. La prima cosa da fare è procurasi un po’ di cose. Nell’ordine:

 

  • Pettinino a denti fittissimi. Da usare per eliminare le uova dalle radici dei capelli pettinando la capigliatura ciocca per ciocca e insistendo nelle zone in cui le lendini si annidano: le zone predilette sono quelle più ricche di ghiandole sebacee, ovvero la nuca e la zone dietro le orecchie
  • Shampoo e lozioni a base di piretrine (ad esempio permetrina sintetica all’1%). Si tratta di detergenti che oltre a uccidere i pidocchi adulti sono in grado di soffocare le lendini. Sono molto efficaci ma vanno usate fino a completa disinfestazione. Inoltre le uova, una volta morte, non si staccano da sole, vanno rimosse dalla cute meccanicamente usando il pettinino del punto precedente
  • Shampoo o detergenti naturali antagonisti dei pidocchi. I migliori sono a base oleosa (perché l’olio soffoca le uova) come le lozioni concentrate di  l’olio di Neem e Maleleuca
  • Oli essenziali (da aggiungere agli shampoo neutri), sempre per un effetto disinfettante e antiparassitario: contro la pediculosi sono consigliati l’olio essenziale di sassofrasso e di lavanda, ma sono efficaci anche quelli di menta, eucalipto e rosmarino
  • Lozioni a base di semi di pompelmo e di vitamina B5 (D-Pantenolo), sostanze in grado di ridurre il prurito e facilitare la rimozione delle lendini
  • Aceto. Non uccide i pidocchi, ma passato sui capelli dopo la detersione con i prodotti di cui sopra, è in grado di sciogliere la sostanza appiccicosa che fa aderire le uova ai capelli facilitandone l’eliminazione

 

I prodotti selezionati non vanno utilizzati tutti insieme, il consiglio è quello di scegliere quelli più adeguati al caso, e all’età del soggetto colpito da pediculosi. Se si tratta di bambini, è bene sentire il parere del pediatra e farsi aiutare in farmacia per la scelta e l’utilizzo del prodotto. In ogni caso, se abbiamo seguito le istruzioni e siamo stati meticolosi nella rimozione delle uova, dovremmo riuscire a liberarci di questa fastidiosa parassitosi nel giro di pochi giorni

 

Infine, un consiglio a proposito di prevenzione. L’unico modo per evitare la pediculosi è quello di tenersi lontani dagli ambienti dove sappiamo esserci una infestazione da pidocchi e lasciare a casa da scuola i bambini colpiti, fino a completa disinfestazione.



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X