Il Puerperio

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Il Puerperio

30-06-2011 - scritto da buchal

Il periodo immediatamente successivo al parto deve servire a darle la necessaria tranquillità per una completa ripresa

Sebbene la gravidanza e il parto non siano da considerarsi malattie, tuttavia essi assorbono una grande quantità di energie fisiche e psichiche della donna.

Il periodo immediatamente successivo al parto detto appunto ‘puerperio’ deve servire a darle la necessaria tranquillità per una completa ripresa.
Ora è invalso l’uso di far alzare la puerpera poche ore dopo il parto. Tale sistema si è rivelato valido, e anche la secrezione lattea non ne risulta compromessa. Questo non significa però che la madre debba essere privata della possibilità di dormire e di riposare, soprattutto dopo le poppate.
Il movimento, una ginnastica adatta e i massaggi favoriscono l’involuzione dell’utero e il rassodamento della muscolatura addominale. E’ dimostrato che anche l’allattamento contribuisce al processo involutivo dell’utero.
Durante il puerperio, dopo il parto, là dove era inserita la placenta, rimane una lesione che si deve rimarginare. Le forze di autoguarigione della donna, se sono coadiuvate da cure appropriate e da una adeguata alimentazione, raggiungono pienamente lo scopo, tuttavia è necessaria la massima igiene e l’assistenza ostetrica.
Il puerperio è un periodo in cui basta un raffreddore, una banale influenza, una bronchite o un’infiammazione alla gola per minacciare la salute della donna;
La puerpera dovrà misurare la temperatura due volte al giorno: mattino e pomeriggio. Questa non deve superare i 37,5°. Se dovesse andare oltre, bisognerà consultare il medico. Fortunatamente, la febbre puerperale è divenuta molto rara.
Il puerperio è per la donna una fase molto particolare della sua vita. Generalmente, dopo il parto, subentra un periodo di spossatezza che genera una leggera depressione post partum, durante la quale la donna è molto soggetta al pianto. Trovandosi a dover affrontare tante situazioni insolite per le quali teme di non essere all’altezza, la donna si lascia andare a un periodo malinconico, che però dura un tempo limitato. In questo periodo, saranno le persone che la circondano a doverle dare appoggio e un amorevole sostegno.


Bianca Buchal

Profilo del medico - buchal

Nome:
BIANCA BUCHAL
Professione:
Altro Operatore Sanitario
Contatti/Profili social:


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X