Sempre più mamme over 40, sempre più parti cesarei

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Sempre più mamme over 40, sempre più parti cesarei

16-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

Con l’età avanzata corrono maggiori rischi a partorire naturalmente. Ma quali sono i pro e i contro di mettere al mondo un figlio così tardi?

Aumentano l'età media delle partorienti, aumentano i parti cesarei

Sempre più mamme over 40, sempre più parti cesarei 18/11/2007 - Una volta era convinzione comune che a spingere al parto cesareo fosse il consiglio non troppo disinteressato dell’ospedale, oppure una scelta consapevole della donna per evitare il dolore del parto naturale. Oggi non è più così, e lo rivela un’indagine della Società Italiana di Diagnosi Prenatale (Sidip): il 60% delle pazienti quarantenni ricorre al cesareo per una vera e propria necessità, dettata dall’età avanzata, perché altrimenti correrebbero molti rischi a partorire naturalmente. Secondo Claudio Giorlandino, Presidente della Sidip, <>.
Nelle quarantenni prese in esame si è infatti registrato un aumento dell’ipertensione, del diabete e del sovrappeso: fattori che all’inizio della gravidanza non destano preoccupazione ma che invece potrebbero creare problemi al momento del parto. Inoltre, le donne più anziane tendono ad avere un travaglio più prolungato, a volte oltre le 20 ore, o complicanze che determinano l’applicazione di forcipe e ventosa. Per tutti questi motivi nelle primipare attempate il rischio di partorire con il cesareo è 5 volte maggiore rispetto a quello delle pluripare della stessa età.
Ma è così frequente il fenomeno delle mamme over 40? Altro che! Secondo una ricerca condotta dall’Università Bocconi di Milano, la percentuale della maternità oltre gli “anta” ha raggiunto il 4,6% nel 2005. Il fenomeno è comune a tutto l’Occidente ma il primato europeo spetta proprio all’Italia, dove sempre più donne affrontano la nascita del primo figlio quasi al limite della scadenza biologica per motivi culturali, sociali, economici e affettivi.
Certamente fare un figlio a 40 anni può avere dei vantaggi: la donna è più matura, ha un’identità più forte, è in grado di pensare a un figlio con più lucidità, ha raggiunto un rapporto più sereno con il proprio corpo quindi è più pronta ad accettare i cambiamenti fisici che comporta la gravidanza.
Quanto ai lati negativi, innanzitutto le possibilità di rimanere incinta diminuiscono con il passare degli anni: una donna giovane ha, ogni ciclo, il 25% di probabilità di cominciare una gravidanza; la percentuale si abbassa al 10% quando si tratta di una quarantenne. A una certa età l’utero potrebbe essere meno irrorato e l’incidenza di aborti spontanei diventa maggiore. E poi non dimentichiamo il rischio di anomalie cromosomiche, come la sindrome di Down. Un esame importante, suggerito già dopo i 36 anni, consiste nel prelievo e nell’analisi delle cellule di origine fetale per stabilire se il bimbo è sano oppure ha qualche anomalia genetica. Infine, dal punto di vista psicologico, il rischio più grande è fare un figlio in età avanzata non per un’esigenza interiore profonda ma per esorcizzare la paura di invecchiare o per salvare una relazione priva di stimoli.

A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Tappo mucoso: cos’è e come è fatto

Tappo mucoso: cos’è e come è fatto

02/09/2021. Ecco che ha avuto inizio il meraviglioso viaggio che ti porterà presto ad abbracciare il tuo bambino. Difficile contenere le emozioni che ti pervadono e che magari cambiano di giorno in giorno. E se ci sono momenti in cui la...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X