Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: conosci tutti i fattori di rischio?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: conosci tutti i fattori di rischio?

04-02-2020 - scritto da Antonella Lobraico

La prevenzione del cancro inizia dalla conoscenza dei fattori di rischio. Scopri quali sono.

Il 4 febbraio 2020 si celebra la Giornata Mondiale contro il Cancro. Parole d'ordine: informazione e prevenzione.

 

Inizia un nuovo anno e con esso torna anche il consueto appuntamento con il World Cancer Day. Il 4 febbraio infatti, si celebra la Giornata Mondiale contro il Cancro, un’occasione per soffermarsi su una questione, oggetto di continua indagine da parte della scienza. E anche se la ricerca ha compiuto passi da gigante negli ultimi anni, migliorando le terapie, il cancro continua a spaventare per via del tasso di mortalità ad esso correlato, oltre che per le ripercussioni che il suo sviluppo ha sulla vita del paziente e dei suoi cari.

 

Ad oggi, conosciamo i numerosi fattori di rischio dei tumori e abbiamo tra le mani un’arma efficace in grado di fare la differenza: la prevenzione. Grazie ad essa, è possibile infatti diagnosticare la presenza di un eventuale cancro ad uno stadio ancora inziale, aumentando le possibilità di guarigione e di conseguenza, di sopravvivenza.

 

In questo senso, la Giornata Mondiale contro il Cancro, sostenuta dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e promossa dalla UICC (Union for International Cancer Control), vuole ricordare l’importanza della prevenzione e dare voce a tutte quelle patologie tumorali esistenti.

 

Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: i numeri

Stando ai dati presenti nel volume “I numeri del cancro in Italia 2019” - il censimento effettuato dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica-AIOM, dall’Associazione Italiana Registri Tumori-AIRTUM, da Fondazione AIOM e PASSI - in Italia non solo sono in diminuzione nuovi casi di cancro, ma aumenta la sopravvivenza. Due bellissime notizie, risultato della massiccia informazione e dell’attenzione degli italiani di fronte a questa delicata tematica.

 

Analizzando nel dettaglio la situazione della nostra penisola, vediamo come ad oggi, i tumori rappresentano la seconda causa di morte (29%) subito dopo le malattie cardio-circolatorie (37%).

 

I dati rilevati dall’ISTAT per il 2016 hanno registrato una media di 3 decessi ogni 1.000 persone, ma sono altrettanto interessanti i dati raccolti relativi alla sopravvivenza. A 5 anni da una diagnosi per tumore infatti, 1 paziente su 4 è tornato ad avere un’aspettativa di vita come tutti gli altri. Nello specifico, la sopravvivenza a 5 anni raggiunge il 54% negli uomini e il 63% nelle donne. Tutto questo è possibile grazie ai trattamenti sempre più efficaci e ad una maggiore adesione ai programmi di screening.

 

 

Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: quali sono i tumori più frequenti in Italia

Nel complesso, ogni giorno ci sono circa 1.000 persone che ricevono una nuova diagnosi di tumore e l’incidenza è influenzata da età e genere. La tabella che segue e presente nel volume I numeri del cancro in Italia 2019, prende in considerazione i primi 5 tumori più frequenti in Italia e la proporzione sul totale dei tumori per sesso, escludendo i tumori della cute.

 

Rango

Maschi

Femmine

Tutta la popolazione

Prostata (19%)

Seno (30%)

Seno (14%)

Polmone (15%)

Colon-retto (12%)

Colon-retto (13%)

Colon-retto (14%)

Polmone (12%)

Polmone (11%)

Vescica* (12%)

Tiroide (5%)

Prostata (10%)

Stomaco (4%)

Utero (5%)

Vescica* (8%)

*Sono compresi tumori infiltranti e non infiltranti

 

Al primo posto c’è il tumore alla mammella con ben 53.000 casi nel 2019, seguito da quello al colon-retto con 49.000 casi, dal cancro al polmone con 42.500 casi, da quello alla prostata con 37.000 casi e da quello alla vescica con 29.700 casi.

 

Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: i fattori di rischio

Lo sviluppo del cancro è legato ad alterazioni del DNA che portano alla distruzione dei normali processi fisiologici, dando così luogo a una incontrollata divisione cellulare. Il cancro richiede più di una mutazione a carico di diverse classi di geni e quando il nostro organismo non riesce più a contrastare i processi di trasformazione, la cellula si trasforma in cellula tumorale. Si tratta di un processo lungo e complesso e che varia in base a diversi elementi.

 

Alla base dello sviluppo di un tumore possono esserci fattori:

  • genetici
  • ambientali
  • casuali
  • infettivi
  • legati allo stile di vita come il sovrappeso, l’abuso di alcol, il fumo, la sedentarietà

 

Se il fumo e lo stile di vita sono fattori responsabili in maniera importante dello sviluppo di neoplasie (circa il 33%), l’ereditarietà invece, ha un’incidenza bassa (meno del 2%). Le infezioni (ad esempio Papilloma virus 16-18 per il tumore alla cervice uterina, Herpes-virus 8 per linfomi e sarcoma di Kaposi, virus dell’epatite B e C per il carcinoma epatocellulare) sono causa dell’8% circa dei tumori. Allo stesso modo, l’inquinamento contribuisce per il 2% allo sviluppo di neoplasie, insieme all’esposizione ai raggi UVA e alle radiazioni ionizzanti, responsabili di un altro 2%.

 

C’è qualcosa che possiamo fare per contrastare la nascita di un cancro? La risposta è sì. Possiamo agire in prima persona informandoci sui fattori di rischio, cambiando il nostro stile di vita e facendo prevenzione. Non a caso, la campagna per la lotta contro il cancro anche quest’anno ha come slogan “I’m and I will” (Io sono e io farò) per sottolineare quanto un singolo individuo può fare agendo in prima persona nella lotta contro i tumori.

Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




A cura di Antonella Lobraico, collaboratrice della redazione di ForumSalute.
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X