Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: conosci tutti i fattori di rischio?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: conosci tutti i fattori di rischio?

04-02-2020 - scritto da Antonella Lobraico

La prevenzione del cancro inizia dalla conoscenza dei fattori di rischio. Scopri quali sono.

Il 4 febbraio 2020 si celebra la Giornata Mondiale contro il Cancro. Parole d'ordine: informazione e prevenzione.

 

Inizia un nuovo anno e con esso torna anche il consueto appuntamento con il World Cancer Day. Il 4 febbraio infatti, si celebra la Giornata Mondiale contro il Cancro, un’occasione per soffermarsi su una questione, oggetto di continua indagine da parte della scienza. E anche se la ricerca ha compiuto passi da gigante negli ultimi anni, migliorando le terapie, il cancro continua a spaventare per via del tasso di mortalità ad esso correlato, oltre che per le ripercussioni che il suo sviluppo ha sulla vita del paziente e dei suoi cari.

 

Ad oggi, conosciamo i numerosi fattori di rischio dei tumori e abbiamo tra le mani un’arma efficace in grado di fare la differenza: la prevenzione. Grazie ad essa, è possibile infatti diagnosticare la presenza di un eventuale cancro ad uno stadio ancora inziale, aumentando le possibilità di guarigione e di conseguenza, di sopravvivenza.

 

In questo senso, la Giornata Mondiale contro il Cancro, sostenuta dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e promossa dalla UICC (Union for International Cancer Control), vuole ricordare l’importanza della prevenzione e dare voce a tutte quelle patologie tumorali esistenti.

 

Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: i numeri

Stando ai dati presenti nel volume “I numeri del cancro in Italia 2019” - il censimento effettuato dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica-AIOM, dall’Associazione Italiana Registri Tumori-AIRTUM, da Fondazione AIOM e PASSI - in Italia non solo sono in diminuzione nuovi casi di cancro, ma aumenta la sopravvivenza. Due bellissime notizie, risultato della massiccia informazione e dell’attenzione degli italiani di fronte a questa delicata tematica.

 

Analizzando nel dettaglio la situazione della nostra penisola, vediamo come ad oggi, i tumori rappresentano la seconda causa di morte (29%) subito dopo le malattie cardio-circolatorie (37%).

 

I dati rilevati dall’ISTAT per il 2016 hanno registrato una media di 3 decessi ogni 1.000 persone, ma sono altrettanto interessanti i dati raccolti relativi alla sopravvivenza. A 5 anni da una diagnosi per tumore infatti, 1 paziente su 4 è tornato ad avere un’aspettativa di vita come tutti gli altri. Nello specifico, la sopravvivenza a 5 anni raggiunge il 54% negli uomini e il 63% nelle donne. Tutto questo è possibile grazie ai trattamenti sempre più efficaci e ad una maggiore adesione ai programmi di screening.

 

 

Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: quali sono i tumori più frequenti in Italia

Nel complesso, ogni giorno ci sono circa 1.000 persone che ricevono una nuova diagnosi di tumore e l’incidenza è influenzata da età e genere. La tabella che segue e presente nel volume I numeri del cancro in Italia 2019, prende in considerazione i primi 5 tumori più frequenti in Italia e la proporzione sul totale dei tumori per sesso, escludendo i tumori della cute.

 

Rango

Maschi

Femmine

Tutta la popolazione

Prostata (19%)

Seno (30%)

Seno (14%)

Polmone (15%)

Colon-retto (12%)

Colon-retto (13%)

Colon-retto (14%)

Polmone (12%)

Polmone (11%)

Vescica* (12%)

Tiroide (5%)

Prostata (10%)

Stomaco (4%)

Utero (5%)

Vescica* (8%)

*Sono compresi tumori infiltranti e non infiltranti

 

Al primo posto c’è il tumore alla mammella con ben 53.000 casi nel 2019, seguito da quello al colon-retto con 49.000 casi, dal cancro al polmone con 42.500 casi, da quello alla prostata con 37.000 casi e da quello alla vescica con 29.700 casi.

 

Giornata Mondiale contro il Cancro 2020: i fattori di rischio

Lo sviluppo del cancro è legato ad alterazioni del DNA che portano alla distruzione dei normali processi fisiologici, dando così luogo a una incontrollata divisione cellulare. Il cancro richiede più di una mutazione a carico di diverse classi di geni e quando il nostro organismo non riesce più a contrastare i processi di trasformazione, la cellula si trasforma in cellula tumorale. Si tratta di un processo lungo e complesso e che varia in base a diversi elementi.

 

Alla base dello sviluppo di un tumore possono esserci fattori:

  • genetici
  • ambientali
  • casuali
  • infettivi
  • legati allo stile di vita come il sovrappeso, l’abuso di alcol, il fumo, la sedentarietà

 

Se il fumo e lo stile di vita sono fattori responsabili in maniera importante dello sviluppo di neoplasie (circa il 33%), l’ereditarietà invece, ha un’incidenza bassa (meno del 2%). Le infezioni (ad esempio Papilloma virus 16-18 per il tumore alla cervice uterina, Herpes-virus 8 per linfomi e sarcoma di Kaposi, virus dell’epatite B e C per il carcinoma epatocellulare) sono causa dell’8% circa dei tumori. Allo stesso modo, l’inquinamento contribuisce per il 2% allo sviluppo di neoplasie, insieme all’esposizione ai raggi UVA e alle radiazioni ionizzanti, responsabili di un altro 2%.

 

C’è qualcosa che possiamo fare per contrastare la nascita di un cancro? La risposta è sì. Possiamo agire in prima persona informandoci sui fattori di rischio, cambiando il nostro stile di vita e facendo prevenzione. Non a caso, la campagna per la lotta contro il cancro anche quest’anno ha come slogan “I’m and I will” (Io sono e io farò) per sottolineare quanto un singolo individuo può fare agendo in prima persona nella lotta contro i tumori.

Categorie correlate:

Malattie, cure, ricerca medica




A cura di Antonella Lobraico, collaboratrice della redazione di ForumSalute.
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X