Gli omega 3: il segreto di una pelle bella e sana

Gli omega 3: il segreto di una pelle bella e sana

16-10-2018 - scritto da Paola Perria

Gli acidi grassi buoni, come gli omega 3 e gli omega 6, fanno bene anche alla pelle. Vediamo gli alimenti su cui puntare.

Cosa mangiare per fare il pieno di omega 3 e 6 e migliorare il benessere della pelle.

 

Salmone, sardine, noci, semi di chia: cos’hanno in comune questi cibi così diversi? Il fatto di essere delle ottime fonti di omega 3 e omega 6, acidi grassi essenziali per la salute in generale e per quella della pelle in particolare. Focalizziamoci su quest’ultimo punto.

 

LE STRATEGIE PER AVERE UNA PELLE BELLA E SANA

Migliorare l’aspetto, l’estetica della cute, soprattutto di quella del viso, è un obiettivo costantemente perseguito da uomini e donne in ogni età della vita. I problemi sono diversi a seconda delle fasi di crescita: durante l’adolescenza ci ritroviamo a combattere contro acne e impurità, in gioventù contro discromie, opacità  e sensibilizzazioni, nell’età matura contro i primi segni dell’invecchiamento, cedimento dei tessuti e rughe.

 

Quello che facciamo, però, di solito è concentrarci sui rimedi esterni ai nostri problemi cutanei, come l’uso di creme e sieri che promettono di essere miracolosi, di cosmetici di ultima generazione e persino ricorrendo ad interventi estetici come la dermoabrasione o le iniezioni di botox.

 

In realtà, per mantenere a lungo l’epidermide bella e sana, per migliorarne il tono e la compattezza, per renderla più liscia, velluta ed elastica, dobbiamo per prima cosa agire dall’interno, il che significa dall’alimentazione.

 

Tutti sappiamo quanto sia importante l’idratazione, pertanto bere molta acqua e mangiare cibi che ne siano ricchi (soprattutto frutta e verdura), rappresentano già una prima scelta dietetica efficace. Ma non basta, ci vogliono anche i grassi “buoni. Proprio come gli omega 3 e gli omega 6.

 

COSA SONO E A COSA SERVONO GLI OMEGA 3 E 6 (fonte: Nutrition Foundation of Italy)

Gli omega 3 sono acidi grassi di tre tipi: EPA (acido eicosapentaenoico), DHA  (acido docosaesaenoico) e ALA (acido alfa-linolenico). Gli omega 6 sono di due tipi: LA (acido linoleico) e AA (acido arachidonico). Sono essenziali per l’organismo umano che non è in grado di produrre i precursori, esclusivamente di origine vegetale (l’acido linoleico, capostipite degli omega 6 e l’acido alfa-linolenico, capostipite degli omega 3) e che deve quindi assumerli con gli alimenti. 

Queste le indicazioni nutrizionali e di salute approvate dall’EFSA (Agenzia europea per la sicurezza degli alimenti):

  • LA e ALA aiutano a mantenere i livelli di colesterolo nel sangue;
  • EPA e DHA contribuiscono alla normale funzione cardiaca, riducono i trigliceridi e la pressione arteriosa (convinzione però recentemente messa in dubbio da una review Cochrane);
  • L’assunzione materna di DHA durante la gravidanza contribuisce al normale sviluppo cerebrale e visivo del feto e, in seguito, del neonato allattato al seno;
  • Il DHA contribuisce al regolare sviluppo visivo fino ai 12 mesi d’età.

 

PERCHE’ GLI OMEGA 3 E 6 FANNO BENE ALLA PELLE

Qual è l’effetto degli acidi grassi omega 3 e omega 6 sull’epidermide? Gli omega 3 sono sostanze “fondative” delle cellule cutanee, e considerando che la rete cellulare possiede una grande capacità di rinnovamento e rigenerazione, se noi facciamo mancare all’organismo il cemento che serve proprio per la loro costruzione, stiamo compromettendo la possibilità della pelle di mantenersi giovane e sana.

 

Le cellule che deperiscono, invecchiano e muoiono devono essere sostituite, e quando questo meccanismo si inceppa (in parte per l’età, in parte per cattive abitudini di vita e scelte alimentari deleterie), il risultato è che sul viso appaiono segni di espressione e rughette, e la cute appare avvizzita, sciupata, spenta. Per tale ragione consumare cibi ricchi di omega 3 è così importante anche come strategia alimentare anti-age per la pelle (e per proteggerla dai danni derivanti dall'esposizione al sole).

 

 

OMEGA 3: GLI ALIMENTI CHE NE SONO RICCHI

Quali sono i cibi su cui puntare? Soprattutto sul pesce azzurro (sardine, sgombri, acciughe), il salmone e le aringhe, e l’olio di pesce (vanno bene anche le classiche capsule da assumersi come integratore se non amiamo i prodotti ittici freschi), ma non dimentichiamo fonti vegetali come l’avocado e le mandorle. Anche gli acidi grassi omega 6, in associazione agli omega 3, sono indispensabili per la costruzione delle membrane cellulari. Dove troviamo questi ultimi? Nelle noci e in tutta la frutta secca a guscio, nei semi oleosi come quelli di zucca, di girasole, di chia, di lino.

 

OMEGA 3 E OMEGA 6: COSA MANGIARE OGNI GIORNO

Dobbiamo introdurre nella nostra alimentazioni tutte le fonti alimentari di omega 3 e omega 6 in modo regolare, senza abusarne (il pesce andrebbe consumato 2-3 volte a settimana, cucinato in modo leggero) e in associazione a tutti gli altri cibi, soprattutto di origine vegetale come ortaggi, legumi e frutta, ma anche oli tra cui il nostro ottimo olio extravergine d’oliva.

 

Si tratta di fonti nutritive di prim’ordine, che ci garantiscono buona salute, ci proteggono da molte malattie (ad esempio quelle a carico di cuore e circolazione), ci aiutano a raggiungere e mantenere il peso forma (ricordiamo che i grassi “buoni”, se non ingeriti in quantità industriali, non hanno un effetto ingrassante), a sentirci ed apparire più giovani migliorando il nostro aspetto, incluso quello della pelle. Ne guadagneremo in anni e risparmieremo in cosmetici  e costose creme di bellezza!



A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X