Ho la psoriasi: cosa mi metto?

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Ho la psoriasi: cosa mi metto?

17-06-2019 - scritto da Paola Perria

Quale abbigliamento è il più adatto a chi soffre di psoriasi? Le regole d’oro per vestirsi alla moda senza irritare la pelle.

Psoriasi e abbigliamento: i consigli.

 

Un vestito non vale l’altro, quando si soffre di psoriasi. Questa malattia della pelle di natura autoimmune che colpisce il 3% della popolazione mondiale (in Italia circa due milioni tra adulti e bambini), è considerata una delle più invalidanti per la forte componente stressogena che la accompagna. Chi convive con questa dermatite o infiammazione cronica della pelle che produce lesioni simili a chiazze arrossate e squamose, vive la sua malattia con disagio soprattutto dovuto a ragioni estetiche. Sia le donne che gli uomini tendono ad avere un’autostima più bassa di chi non ha problemi di pelle e hanno difficoltà a mostrare il loro corpo, ad esempio al mare, o nell’intimità.

 

Ci sono, naturalmente, cure disponibili per ridurre l’infiammazione e le lesioni che essa comporta. Per i gradi minori, e dunque per attenuare i sintomi per periodi più o meno lunghi di tempo, può essere sufficiente una corretta idratazione e protezione della funzione di barriera che assolve la cute. Per le forme più estese, invece, si ricorre all’uso di farmaci biologici che costituiscono la risposta farmacologica più avanzata attualmente disponibile.

 

Purtroppo la psoriasi è una malattia cronica, che una volta insorta tende e ripresentarsi anche in modo ciclico, per tutta la vita. Chi ne soffre deve accettarlo, così come deve accettare la necessità di dedicare attenzioni costanti alla sua pelle per migliorarne le condizioni e per ridurre la tendenza infiammatoria. Anche quando si tratta di abbigliamento.

 

Cosa consigliano i dermatologi a tal riguardo? 

 


 

Per approfondimenti sulla psoriasi leggi qui:

Psoriasi: identikit e possibili terapie

 

Psoriasi: cibi che aiutano, cibi che fanno male

 

   

Artrite psoriasica: sintomi, cause e cure

 

 

Dermatologia: 10 domande e risposte

 


 

Esistono tessuti e tipologie di vestiario o di biancheria intima più adatti a chi soffre di psoriasi?

Ecco alcune semplici regole d’oro:

  • Attenzione ai tessuti. È la regola numero uno, perché alcune stoffe sono più irritanti e pruriginose di altre. Quali? La pura lana, ad esempio. È un tessuto naturale prezioso per proteggere dal freddo (e in inverno la psoriasi tende a peggiorare) me le sue fibre possono esacerbare l’infiammazione cutanea. Tuttavia, non tutte le lane sono uguali. Il cachemire, ad esempio, è il tipo di lana più indicato per non irritare la pelle soprattutto in presenza di lesioni ed eczemi “attivi”. Ma i tessuti in assoluto più gentili con la cute sono il cotone, il lino, la seta. Per i bambini, quindi, meglio le felpe dei maglioni. Il discorso si allarga anche ai collant e alle calze da uomo e da donna, così come alla biancheria intima, che dovrà essere più semplice possibile, bianca e senza pizzi.
  • Vestiti a strati. Se ami le lane “pelose” e altro tessuto sintetico che però sai già potrebbe procurarti un’irritazione cutanea, indossa a contatto con la pelle una maglia o una canotta in tessuto naturale, ad esempio in cotone, che funga da “cuscinetto”.
  • Scegli tessuti naturali e traspiranti. È importante non accentuare la dermatite quando la pelle è già infiammata, per tale ragione è utile indossare stoffe che non impediscano al sudore di evaporare. Quindi no ai tessuti sintetici e sì, invece, a cotone e lino, le fibre più traspiranti in assoluto. Per tale ragione controlla sempre l’etichetta prima di ogni acquisto.
  • Scegli tessuti che riducano la sudorazione. Questo vale soprattutto quando fai sport e indossi la tuta da ginnastica. Sudare è importantissimo per la salute, l'importante se soffri di psoriasi è scegliere materiali che non accentuino eccessivamente l'umidità sulla pelle. Esistono a tal fine ottimi tessuti sintetici di nuova tecnologia, detti intelligenti, che hanno proprio la qualità di ridurre al minimo la traspirazione senza, però, bloccarla. Una pelle più asciutta è anche una pelle meno irritabile. La parola chiave da cercare nelle etichette? Fluorofibra: un sintetico che va d’accordo anche con la psoriasi.
  • Scegli colori chiari e luminosi. Il nero e in generale i colori scuri sono più irritativi per la pelle, inoltre attirano i raggi del sole e fanno sudare di più. Per questo, soprattutto in estate, prediligi stoffe di colore chiaro o bianche.
  • Usa sciarpe e guanti in tessuti naturali. Sciarpe in cotone, lino o pashmina, e guanti in fibre ugualmente gentili sono utili a coprire le lesioni della dermatite in queste zone visibili e a difenderle da sole o freddo, fattori che possono esacerbare i sintomi.
  • Evita gli indumenti stretch. Altro non fanno che favorire irritazioni e grattare la pelle già delicata di suo. Quindi, preferisci sempre indumenti comodi, se non larghi comunque non aderenti.

 

C’è un ultimo consiglio che vogliamo darti: dal momento che la psoriasi è una malattia che ha molto a che vedere con lo stress, e che proprio a causa di fattori psicogeni si autoalimenta, anche nelle tue scelte di vestiario opta per capi che abbiamo un effetto positivo sul tuo umore, che ti facciano sentire bene, a tuo agio e attraente. Punta su colori luminosi e sugli accessori, e costruisci un look che sia coerente con la tua personalità.

Sarà un balsamo anche per la tua pelle irritabile!

 

Fonte: Healthline.com

Categorie correlate:

Malattie e disturbi della pelle




A cura di Paola Perria, Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2009, Master I livello in Gender Equality-Strategie per l’equità di Genere con tesi sulla medicina di genere.
Profilo Linkedin di Paola Perria
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X