Incontinenza urinaria femminile: cause e rimedi

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Incontinenza urinaria femminile: cause e rimedi

29-11-2019 - scritto da Antonella Lobraico

Conosci le cause e i rimedi dell’incontinenza urinaria femminile? Ecco una guida scritta apposta per te.

Incontinenza urinaria femminile: tutto quello che dovresti sapere.

 

Ci sono disturbi, come ad esempio l’incontinenza urinaria, che possono provocare imbarazzo al punto da rendere difficile il confronto con il proprio medico. Tuttavia, per contrastare al meglio questo disagio è bene parlarne con uno specialista, comprenderne le cause e intraprendere un trattamento personalizzato.

 

Che cos’è l’incontinenza urinaria

L’incontinenza urinaria consiste in una perdita involontaria di urina a seguito di alcuni eventi come starnuti o colpi di tosse, o anche in uno stimolo improvviso a fare pipì.

 

Si tratta di una problematica molto diffusa che colpisce indistintamente uomini e donne, anche se l’ago della bilancia - dal punto di vista dell’incidenza - punta per lo più verso la popolazione femminile. Sono infatti le donne a soffrine maggiormente a causa dei normali cambiamenti fisici a cui il corpo è sottoposto negli anni.

 

Molte volte questa patologia viene affrontata in silenzio un po’ per la vergogna, un po' perché si crede che non ci siano terapie adeguate, soprattutto quando si è un po’ più in là con l’età. Tuttavia, meglio non sottovalutare i sintomi: l’incontinenza urinaria può condizionare le normali attività quotidiane e ripercuotersi di conseguenza sulla vita sociale, psicologica ed emotiva. Proprio per questo motivo non costituisce soltanto un problema medico.

 

Incontinenza urinaria: cause

L’incontinenza urinaria può manifestarsi in età avanzata, ma anche molto tempo prima. A fare la differenza sono le diverse cause che concorrono al suo sviluppo. Con il trascorrere degli anni infatti, i muscoli che sostengono la vescica tendono a indebolirsi portando allo sviluppo dell’incontinenza.

 

Cosa accade quando facciamo pipì? Quando i muscoli che si trovano intorno alla vescica si irrigidiscono, l’urina fuoriesce attraverso l’uretra. Allo stesso tempo, i muscoli dello sfintere intorno all’uretra si rilassano per consentire l'espulsione della pipì. Il bisogno impellente o involontario di urinare avviene quando i muscoli della vescica si irrigidiscono improvvisamente e i muscoli dello sfintere non hanno abbastanza forza per bloccare l’uretra.

 

L’incontinenza urinaria può manifestarsi in tre differenti forme e non è escluso che possano verificarsi anche contemporaneamente:

  • Incontinenza da urgenza
  • Incontinenza da stress
  • Incontinenza da rigurgito o overflow

 

L’incontinenza da stress è quella più diffusa e consiste nella perdita involontaria di urina a seguito di uno sforzo che interessa la vescica, ad esempio una risata, un colpo di tosse, uno starnuto. L’incontinenza da urgenza invece, si verifica quando all’improvviso si avverte uno stimolo incontenibile di urinare. Mentre nel caso dell’incontinenza da rigurgito, la vescica tende a riempirsi troppo, ma non riesce a svuotarsi del tutto facendo pipì.

 

Questa patologia può essere provocata anche dall’assunzione di determinati cibi come dolci, caffè, alcol, bevande gassate o di specifici medicinali. E poi tra le altre cause alla base dell’incontinenza urinaria troviamo:

  • Problemi all’intestino
  • Lesioni al sistema nervoso
  • Stipsi
  • Calcoli o infezioni alle vie urinarie come la cistite

 

 

Incontinenza urinaria: sintomi

Per capire se soffri di incontinenza urinaria basta riconoscere i sintomi tipici, ovvero una perdita incontrollata di urina. Si tratta di una condizione che può verificarsi in maniera lieve nel caso in cui la perdita di urina sia minima, ma può essere anche più importante e in questo caso la perdita di urina sarà abbondante. A questo sintomo potrebbero essere associati anche bruciore e dolore se sono presenti calcoli o infezioni al tratto urinario.

 

Se questi sintomi persistono per diverso tempo, è bene fissare un appuntamento con il medico di fiducia per una valutazione più approfondita.

 

Incontinenza urinaria: perché è più frequente nelle donne

Come accennato, l’incontinenza urinaria colpisce soprattutto le donne. Il loro corpo è infatti naturalmente sottoposto ad alcuni cambiamenti fisici come ad esempio la gravidanza, il parto, la menopausa. Si tratta di fattori di rischio che facilitano lo stiramento dei legamenti che fungono da sostegno alla vescica. Allo stesso modo anche gli ormoni possono influenzare la comparsa di incontinenza urinaria per via del loro ruolo di mantenimento muscolare della zona pelvica.

 

 

Incontinenza urinaria: rimedi

Trattare l’incontinenza urinaria è possibile, basta riconoscere i sintomi e parlarne con il proprio medico. Sarà determinante una prima fase di analisi per valutare le cause che hanno provocato lo sviluppo di questa disfunzione. In base alla diagnosi verrà stilato un trattamento personalizzato che potrà comprendere:

  • L’assunzione di medicinali
  • La riduzione dell’assunzione di specifici alimenti come il caffè
  • Lo svolgimento di esercizi mirati, come gli esercizi di Kegel, per rafforzare la muscolatura dell’area pelvica
  • La chirurgia

 

Se hai riconosciuto i sintomi dell’incontinenza urinaria, contatta il tuo medico per una diagnosi approfondita.

Categorie correlate:

Salute donna




A cura di Antonella Lobraico, collaboratrice della redazione di ForumSalute.
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X