Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Allergologia e Immunologia > Immunologia clinica e di laboratorio > Per il Dott.Fassio: anomalie Tipizzazione linfocitaria
Segna Forum Come Letti

   

Per il Dott.Fassio: anomalie Tipizzazione linfocitaria

minou8585
 

Gentile Dottore,
vi sottopongo i risultati della tipizzazione linfocitaria da me eseguita

"conta g.b. 6,83 x10e3/micr
linfociti valore assoluto 3000 n/microl
CD 03 ( T linfociti) % 70,00% riferimento (60%-87%)
CD 03 V.A. 2100 n/micr riferimento(860-2607)
CD 03+ 04+ (t helper) 45% rif. (32%-61%)
CD 03+ 04+ V.A. 1350 n/microl rif. (493-1666)
CD 03+ CD08+ ( T citotoss.) 21% rif (14%-43%)
CD 03+ 08+ V.V. 630 n/microl rif. (222-1112)
CD 03- 08+ (LGL) 12% rif (2%-16%)
CD 04+ 08+ (T immaturi) 0,40%
CD 03+ 16/56+ 2,00%
CD 03- 16/56+ (linf NK) 17%
CD 03- 16/56+ V.V. 510 n/microl
CD 19 (B linfociti) 12% rif (5%-20%)
CD 19 V.A. 360 n/microl "

Liquidata dal dottore con "E' tutto a posto" cerco spiegazioni su quei linfociti T immaturi poiche' documentandosi su internet si legge che sono presenti solo in caso di leucemia.
Tutti gli altri valori ematologici eseguiti sono normali, se necessario provvedero' a riportarli.
Cosa dovrei fare a questo punto?

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Filippo Fassio
salve,

dipende molto dai dati di riferimento del laboratorio. Una percentuale di CD4+CD8+ dello 0,4% non mi impensierisce molto (soprattutto se non associato a sintomatologie che possano far pensare a malattie ematologiche importanti), tuttavia è opportuno che venga valutato da medico ed eventualmente specialista immunologo o ematologo che conosce direttamente le metodiche dello specifico laboratorio.
Nel dubbio, può ripetre l'esame a distanza di un paio di mesi.

saluti
__________________
Dr. Filippo Fassio
Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Visita in: Firenze - Pistoia - Bologna

Visita il mio sito blog:www.allergologo.net!

Le informazioni contenute sul forum hanno unicamente scopo divulgativo e non intendono in nessun modo sostituire la visita medica.
Leggi altri commenti
minou8585
 

Gentile Dott.Fassio
grazie per avermi risposto.
Vorrei completare il quadro dicendo che il mio medico ha visto le analisi dicendo che quella percentuale non e' indicativa poiche' la macchina di laboratorio suddivide tutti i linfociti in classi e in percentuali cosi basse secondo lui non vanno considerati. Infatti ho eseguito anche lo striscio periferico in emolinfopatologia dal quale non e' stata identificata alcuna anomalia morfologica.
Il motivo per cui ho fatto queste analisi e' una mia forte preoccupazione perche dall'adolescenza ho alcuni linfonodi palpabili all'inguine e alle ascelle. (ora ho 25 anni)
Ho eseguito ecografie che rilevano linfonodi iperplastici morfologicamente normostrutturati.
Ho saltuariamente inversione della formula leucocitaria (40% neutrofili, 49% linfociti), pero' allo striscio periferico la formula era normale cosi come nell'emocromo successivo.
Ho IgG positivi per EBV, ho avuto la varicella a 21 anni.
LDH,PCR, VES, ed emocromo nella norma. IgG e IgM sieriche totali nella norma, IgA sieriche totali 509 quando il limite indicato sarebbe 450.

Devo approfondire nell'ordine di una patologia linfoproliferativa dei linfociti T?

Dr. Filippo Fassio
 

salve,

difficile darle una risposta conclusiva attraverso il forum...direi che se consideriamo solo il dato di laboratorio non mi pare ci siano rilievi particolarmente preoccupanti, tuttavia ogni esame va valutato nel singolo contesto clinico. Quindi se nel suo caso - dopo la visita e valutando attentamente tutti gli esami laboratoristici e strumentali - emergessero dubbi o sospetti, potrebbero essere indicati ulteriori approfondimenti compresi quelli sulle popolazioni di linfociti T.
E' comunque - ripeto - una scelta che deve essere ponderata dallo specialista che la segue.

saluti

__________________
Dr. Filippo Fassio
Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Visita in: Firenze - Pistoia - Bologna

Visita il mio sito blog:www.allergologo.net!

Le informazioni contenute sul forum hanno unicamente scopo divulgativo e non intendono in nessun modo sostituire la visita medica.
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Filippo Fassio

Dr. Filippo Fassio
Nome:
Filippo Fassio
Comune:
Firenze, Pistoia e Lucca
Professione:
Medico Chirurgo, Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Specializzazione:
Allergologia ed Immunologia Clinica, Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Contatti/Profili social:
sito web facebook twitter linkedin
Domanda al medico
Dr. Fassio, come si diagnostica l’intolleranza al lattosio?
Una volta posto il sospetto sulla base dei sintomi si possono eseguire due tipi di test: il breath test con lattosio, nel quale si analizza l’aria espirata dopo che al soggetto è stato fatto bere un poco di lattosio disciolto in acqua, oppure il test genetico per identificare la predisposizione alla non persistenza dell’enzima lattasi. Ognuno di questi ha sui peculiari vantaggi e svantaggi, per cui sarà il medico a consigliare il test più idoneo nel singolo caso. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 16:52 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X