Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Oculistica > LE BLEFARITI CRONICHE
Segna Forum Come Letti

   

LE BLEFARITI CRONICHE

Dr. Antonio Pascotto
 

DAL TUO OCULISTA INFORMAZIONI
E CONSIGLI SULL’IGIENE
DELLE PALPEBRE
LE BLEFARITI CRONICHE
Patologie fastidiose
e di grande diffusione

[img=right]http://forumsalute.it/public/data/pascotto/2007107113419_B25.jpg[/img=right]

1. COSA VUOL DIRE BLEFARITE?

La parola blefarite deriva dal greco “blefaros” che vuol dire “palpebra”: il termine in -ite indica che si tratta di una condizione infiammatoria a carico di questa struttura destinata alla protezione dell’occhio. In particolare l’infiammazione riguarda il bordo palpebrale, cioè quella zona di transizione tra lo strato cutaneo (esterno a contatto con l’ambiente) e lo strato congiuntivale (interno rivolto verso la superficie oculare) della palpebra. Il bordo palpebrale è caratterizzato da ciglia, che contribuiscono alla funzione protettiva, e da ghiandole, tra cui quelle di Meibomio preposte alla produzione del meibomium: un sebo speciale che entra nella composizione del film lacrimale, pellicola che nutre, riveste e mantiene costantemente umida la superficie oculare, specialmente la cornea. Quindi ogni disturbo delle palpebre si ripercuote inevitabilmente sulla salute dell’occhio: spesso l’infiammazione si estende alla congiuntiva, può essere associata ad alterazioni del film lacrimale, e nei casi più gravi può coinvolgere la cornea.

Occorre pertanto cercare di mantenere l’apparato palpebrale sempre perfettamente efficiente.

Sulla base di quanto detto, è opportuno dedicare alle palpebre lo stesso impegno quotidiano che dedichiamo, ad esempio, all’igiene e alla cura dei denti o di altre parti del corpo.


2. QUALI SONO I SEGNI DELL’INFIAMMAZIONE?

Le prime manifestazioni sono sensazione di corpo estraneo nell’occhio, lacrimazione e sensibilità alla luce. Sono presenti prurito, arrossamento e gonfiore dei margini palpebrali.

Si può inoltre osservare la formazione di croste intorno alle ciglia, di scaglie, di iperseborrea, iperemia e secchezza oculare.

Occorre però tenere presente che le blefariti sono caratterizzate da una notevole variabilità individuale.


3. QUALI SONO LE CAUSE?

Innumerevoli sono i fattori che possono favorire l’instaurarsi di uno stato infiammatorio del bordo palpebrale e spesso si tratta di cause correlate con la vita di tutti i giorni:

• FATTORI AMBIENTALI (esposizione ad ambienti irritanti, fumosi o polverosi, troppo secchi, esposizione ai raggi UV)

• USO ECCESSIVO DELLE LENTI A CONTATTO

• ECCESSIVO AFFATICAMENTO VISIVO (prolungato utilizzo del computer)

• MALATTIE DELLA PELLE (acne rosacea, dermatite seborroica), malattie infiammatorie croniche intestinali, diabete

• INFEZIONI BATTERICHE LOCALI, ALLERGIE

• TRUCCO (allergia ai componenti dei cosmetici)


4. QUALI SONO LE CONSEGUENZE?
Le blefariti sono forme estremamente fastidiose che tendono a diventare croniche e a presentarsi periodicamente. Se non trattate correttamente, possono
compromettere una buona qualità di vita, provocando complicazioni come: orzaiolo, calazio, perdita delle ciglia, congiuntiviti ricorrenti.


5. COSA FARE IN CASO DI BLEFARITE

È rigorosamente vietato sfregare o stropicciare le palpebre con le mani.

Ecco alcune buone regole da osservare accuratamente:

1. Tenere puliti margine palpebrale e ciglia con un trattamento locale idoneo (l’acqua non basta)

2. Lavare le palpebre al mattino e alla sera utilizzando detergenti oculari appositamente studiati

3. Evitare l’uso di prodotti irritanti contenenti detergenti aggressivi, conservanti e profumi

4. Non ricorrere a colliri e pomate se non espressamente prescritti dall’oculista


[img=left]http://forumsalute.it/public/data/pascotto/2007107113759_20186838.jpg[/img=left]È bene non trascurare queste norme anche quando si è fuori casa (esistono prodotti sterili monouso pronti) e abituarsi a una quotidiana igiene palpebrale per evitare il rischio di recidive. Affidandosi agli specialisti e alla loro esperienza, si evita il rischio di commettere errori che possono compromettere la salute e il buon funzionamento degli occhi.


CHIEDETE SEMPRE CONSIGLIO
AL VOSTRO OCULISTA DI FIDUCIA

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Antonio Pascotto
Beh, l'oculista la vedrà domani. Le conviene resistere ancora qualche ora, poi ne parlerà direttamente con lui, che avrà la possibilità di indagare tramite l'osservazione diretta dei suoi occhi.

Ci tenga aggiornati,
AP
__________________
Centro Oculistico Pascotto
Tel. 081 554 2792
Leggi altri commenti
betta62
 

Circa 15 giorni fa mi è stata diagnosticata una blefarite,l'oculista mi ha prescritto l'uso di Visublefarite 3 volte il giorno per quindici giorni. Premettemndo che sono ipertesa in cura con coaprovel, e che mi ero recata dallo specialista per controllo e sopratutto perchè presentavo una sintomatologia dolorifica (più un fastidio,tipo tensione che a volte si acutizza in vero e proprio dolore) all'occhio sinistro oltre alla tipica sintomatologia da blefarite; mi sembra che in concomitanza con l'utilizzo di visublefarite la sintomatologia dolorifica aumenti. Potrebbe essere relazionabile ad altra patologia forse più legata all'ipertensione? Vorrei capirci qualcosa... anche se il 09.10.2007 avro un controllo presso il mio oculista, la cosa mi preoccupa molto.

shantiwoman
 

mia figlia ha casualmente beccato contro l'occhio di mio marito e da allora a mio marito piange l'occhio e vede le luci con aloni attorno.
Al mattino gli faceva male e lacrimava l'occhio, cosi' per 3 settimane.
Poi abbiamo deciso di mettere per 4 volte al di' 5 gocce di ACI (Argento colloidale Ionico) nell'occhio che gli lacrima(è solo quello sinistro) e dopo 5 giorni non aveva piu' nulla, guarito....questa guarigione è durata fino a quando un giorno tornato il bruciore all'occhio mio marito stropicciandosi l'occhio ha visto venir fuori dall'occhio una cosina piccolina(tipo unghia:mia figlia aveva urtato con la manina nel suo occhio)...da li' l'occhio ha ripreso a dargli fastidio: lacrimazione, bruciore e vede le luci con aloni attorno.
Non abbiamo ripreso costantemente con ACi, ma che dice? come mai dopo la guarigione durata circa 10 gg. l'occhio ha ripreso cosi'?
la diagnosi del pronto soccorso oculistico è stato: microabrasioni alla cornea e gli aveva prescritto un collirio antibiotico che non ha usato.ha preferito assumere qualcosa che non ha effetti collaterali (ACI).
Secondo lei dovremmo riprendere con l'ACI?
grazie in anticipo
Simona

campidigrano
 

Secondo me non e' necessario

giovanni1
 

L'oculista mi ha riscontrato una blefarite e mi ha prescritto un colirio (zaditen) e la pulizia con delle salviette. Sono passati circa due mesi dalla visita, però al mattino ho gli occhi sempre un po' arrossati e mi bruciano, con quella sensazione di "bricioline" quando li apro e chiudo. La mia domanda comunque è questa, ho da circa tre mesi un fastidioso mal di testa localizzato alle meningi, non fortissimo, ma di lunga durata (una volta piu' da un lato, altre dall'altro lato)pensate sia dovuto alla blefarite? io do comuque colpa agli occhi perchè mi danno un po' fastidio quando li muovo in concomitanza col mal di testa. Grazie

Dr. Antonio Pascotto
 

Talvolta la blefarite può dare una lieve dolenzia cronica che può portare ad avere mal di testa, ma è anche vero il contrario, ossia che esistono delle forme di cefalea cui si associa dolore oculare, specie durante i movimenti dei muscoli extraoculari.

Usa lacrime artificiali per limitare il dolore e la sensazione di "bricioline".

Saluti!

giovanni1
 

Grazie mille

peppe216
 

Dr Pascotto io ho una belfarite seborroica in forma secca; oltre alla secrezione di squame furfuracee mi provoca anche un intenso bruciore. Il mio ambiente di lavoro, per mancanza effettiva di tempo, non mi permette di mettere in pratica tutti i trattamenti consigliati: Impacchi Caldo-umidi, Massaggio Palpebrale e Detersione.
Desideravo chiederle se mi può consigliare un trattamento decisamente più rapido, magari l'utilizzo di qualche prodotto specifico che non richieda tempi lunghi per l'applicazione.
La ringrazio
Giuseppe Fioretto

Dr. Antonio Pascotto
 

Gentile Giuseppe Fioretto,

I trattamenti che Le sono stati consigliati sono effettivamente la cura migliore per la blefarite desquamativa. Per alleviare i sintomi, le consiglierei di mettere più volte al giorno prodotti ************ come Next 500, Optive o Hyalistil.

Mi faccia sapere,
AP

carlo82
 

Gentile Dott. Pascotto,
da circa due settimane ho una Blefarite che stenta a passare del tutto, anche se ho notato dei miglioramenti.
Ho utilizzato per 5 gg. (come da prescrizione medica del mio oculista) Voltaren ofta, inoltre provvedo ogni sera ad una scrupolosa detersione degli occhi con Blefaroshampo.
Ho notato che dall'occhio maggiormente colpito avverto una sensazione di lieve patina, è normale?
potrei utilizzare (moderatamente) le lenti a contatto morbide?
grazie mille,
saluti

Dr. Antonio Pascotto
 

Caro Carlo,

La "patina" è presumibilmente l'esito di un'essudazione di materiale siero-fibrinoso legata all'infiammazione.

Se l'infiammazione non si riduce, eviterei di utilizzare le lenti a contatto: potresti avere delle conseguenze anche a livello corneale (!).

Saluti

carlo82
 

ciao a tutti, desidero fare un caloroso e sincero ringrazioamento al dottor Pascotto.
ciao
carlo

MariaCa
 

Gentile Dr. Pascotto,
non so se sto postando nella sezione giusta, ma io avrei alcune domande:
- Ho sempre gli occhi arrossati, come faccio a capire da cosa dipende?
Io faccio un lavoro d'ufficio e quindi sono spesso al computer, ho gli occhiali da vista perchè miope (-4), ogni tanto uso le lenti a contatto (tipo giornaliere) e in fine uso truccarmi ogni giorno.
C'è qualche tipo di analisi che può permettermi di capire quale può essere la causa del mio problema?
Grazie
Maria

Libellula.
 

Potrebbe essere congiuntivite (che potrebbe anche a sua volta essere dovuta ad un'allergia al trucco). Inoltre, se passi molto tempo davanti al computer, dovresti usare delle lacrime artificiali o un collirio ************ per i portatori di lenti a contatto, perchè anche le lenti a contatto possono provocare questi disturbi dopo un lungo periodo d'uso, anche se usando quelle giornaliere, i rischi di infiammazione si riducono. Comunque, i colliri servono per mantenere gli occhi bene idratati. Per cui ti consiglio di fare una visita oculistica.

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Marco Alberti

Dr. Marco Alberti
Nome:
Marco Alberti
Comune:
Milano
Provincia:
MI
Azienda:
Centro Medico Italiano
Professione:
Oculista, Direttore Sanitario del Centro Medico Italiano
Specializzazione:
Oftalmologia
Contatti/Profili social:
sito web
Domanda al medico
Dr. Alberti, è vero che le lenti a contatto multifocali sono una soluzione contro la presbiopia?
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 09:08 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X