Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ortopedia e traumatologia > Protesi ortopediche > Revisione protesi d'anca
Segna Forum Come Letti

   

Revisione protesi d'anca

Mimmo52
 

Buonasera,
Sono stato operato nel 2000 per una coxartrosi bilaterale e mi sono state inserite due protesi metallo-metallo totali.L'intervento è stato eseguito in Francia e ho avuto per circa 16 anni una vita pressoché normale,nonostante nel corso di questi anni sia caduto diverse volte senza gravi conseguenze per fortuna.A seguito di un controllo radiografico eseguito di recente mi è stata riscontrata una rarefazione ossea periprotesica al terzo prossimale di entrambi le componenti femorali.Vorrei,a questo punto,fare una rivalutazione in sede ortopedica per verificare lo stato attuale delle componenti protesiche e in quella sede decidere sull'opportunità di sottopormi ad un intervento di revisione.Quindi gradirei che qualcuno mi suggerisse quali sono i chirurghi ortopedici più qualificati per questo tipo di intervento volendo evitare di tornare in Francia.Grazie

MIGLIOR COMMENTO
Mimmo52
Buongiorno,
Vorrei sapere,possibilmente da un ortopedico,qualora una protesi totale d'anca presenti solo una rarefazione ossea nel terzo prossimale e in assenza di mobilità della stessa,se esistono dei centri che prevedono tra i protocolli di revisione anche il solo innesto osseo nella zona deficitaria.Chiedo questo perchè in odontoiatria nei casi di perimplantiti,dove vi sono grossi riassorbimenti ossei sia verticali che orizzontali,negli ultimi tempi sono state adottate con successo delle terapie conservative che prevedono appunto innesti ossei nelle zone colpite.Grazie
Leggi altri commenti
Laurentius
 

Ciao Mimmo52,

Benvenuto!!!!!
Ho unito le tue discussioni!

Se vuoi, puoi leggere/chiedere info qui:

http://www.forumsalute.it/community/...ng_anca_0.html
http://www.forumsalute.it/community/...e_unica_0.html
http://www.forumsalute.it/community/...on_solo_0.html

anca scarognata
 

buonasera a tutti,
spero di essere nel posto giusto e spero vivamente di ricevere qualche consiglio medico su come procedere data la complessita'della mia situazione. ho 37 anni e sono una revisionata di cotile. data la lunga storia,preferisco bypassare i precedenti ed arrivare subito al dunque. sn stata revisionata nel luglio del 2016 e sostanzialmente sono stata benino. ho iniziato a star male a partire dal mese di settembre. il tutto e'iniziato con una trocanterite violentissima e resistente ad ogni fans. munita di cd rx+emocromo ed indici di flogosi(negativi)+ecografia ove si evidenziava versamento,mi sn recata dal mio chirurgo che in prima battuta mi ha liquidata con del cortisone da infiltrare in loco. non avendo ricevuto beneficio alcuno,sono nuovamente tornata da lui e riliquidata con del cortisone intramuscolare. non avendo riscontrato beneficio alcuno sono nuovamente tornata da lui e ri-liquidata con indometacina. nulla mi sortisce nulla.anzi...le cose vanno peggiorando. grazie all'aiuto di un giovane ortopedico,ho avuto la possibilita'di eseguire una risonanza con protocollo mars(soppressione artefatti che il metallo spara). ho eseguito la risonanza presso una struttura ospedaliera facente gruppo al san donato,e mi sono trovata dinanzi ad una situazione drammatica: ho una enorme raccolta non corpuscolata,bensi'liscia e chiara, partenza camera protesica ed arrivo sul trocantere. estensione craniocaudale 15 cm. oltre a cio'marcata involuzione adiposa piccolo medio grande gluteo ed ileopsoas. atrofia tendinea e non visibile inserzione distale ileopsoas. mi e'stato consigliato eseguire artrocentesi ecoguidata per conta leuciti,% neutrofili e colturali. una tac bacino e una scintigrafia trifasica. per ulteriore conferma ho ripetuto piu'volte emocromo con formula+indici di flogosi,e la pcr e'stata confermata sempre negativa... sono fortemente sintomatica. ho molto male e peraltro sono molto preoccupata..perche'abbandonata e non compresa da chi mi ha operata e peraltro venuta a capo grz alla collaborazione di un giovane ortopedico. sarei grata a qualcuno se mi rispondesse.
revisionata nel luglio 2016 cotile trilogy ruvido+4 viti iliache+innesto da cadavere. 2 viti spezzate sn state lasciate in sede. inserto polietilene .testa 32 ceramica. collo sistema conico bio ball. stelo originario lasciato in sede,un cls Spotorno. peraltro in risonanza e'stato individuato anche un riassorbimento della diafisi a livello distale..grazie a tutti per attenzione

anca scarognata
 

il mio grosso versamento in prima battuta non sembra di natura settica,e per negativita'degli indici di flogosi e per le caratteristiche fisiche individuate in risonanza. non avendo mai eseguito una risonanza magnetica non ho materiale con cui far confronto: non so quindi se la mia raccolta si e'cumulata nel tempo,opp se l'esordio e'stato rapido. cosi come non ho esami tac precedenti cui far riferimento perche'gli unici esami che mi sn stati prescritti sn stati esclusivamente raggi e scintigrafie. le cause di un versamento possono essere molteplici da quanto ho potuto leggere. data la complessita'del caso ( ho anche problemi grossi ai tessuti molli) vorrei confrontarmi con specialisti che siano in grado di aiutarmi. ripeto: non si tratta di un primo impianto. la mia anca e'stata purtroppo martorizzata gia'troppe volte. e le cose continuano ad andar male. e nessuno e'stato in grado fino ad ora di spiegarmi perche'le protesi sulla mia pelle creano problemi...grazie ancora a tutti

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 15:55 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X