Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > Ginecologa Rimini e dintorni
Segna Forum Come Letti

   

Ginecologa Rimini e dintorni

peonia85
 

Ciao a tutti. Spero di scrivere nel posto giusto.
Vorrei cambiare ginecologa, visto che la mia si sta dimostrando poco disponibile. Io sono di Rimini e volevo sapere se c'è qualcuno qui nel forum che abita nella mia zona e mi sa consigliare qualcuno. Purtroppo ho vari problemini e mi sono resa conto che ogni ginecologo è specifico per qualcosa, mentre io avrei piacere di trovare qualcuno che mi seguisse un po' in tutto, anche per un'eventuale futura gravidanza. Grazie

Leggi altri commenti
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr.ssa Rosa Alba Portuesi

Dr.ssa Rosa Alba Portuesi
Nome:
Rosa Alba Portuesi
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologa
Specializzazione:
Ginecologia e Ostetricia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Dr.ssa Portuesi, se il Pap test o l'HPV test sono positivi, significa che c'è un tumore al collo dell'utero in corso?
Fortunatamente no! Ma capisco i timori delle donne che, trovandosi davanti a un referto pieno di sigle e numeri per loro incomprensibili, possono allarmarsi. Sta a noi medici spiegare sempre bene di cosa si tratta e precorrere le possibili domande delle pazienti.

Questi strumenti di screening ci permettono di dire se ci sono delle alterazioni che possono predisporre la persona ad avere un rischio aumentato di tumore al collo dell'utero. Ma, ancor più importante, ci permettono di intervenire per tempo per evitare che questo rischio, nel tempo, si concretizzi in una diagnosi di tumore.

In linea generale il rischio di sviluppare una malattia oncologica a seguito di un'alterazione di basso grado è molto basso, perché il nostro sistema immunitario, da solo, è in grado di riparare le cellule alterate. Avere invece un'alterazione di alto grado significa avere un rischio di ammalarsi di tumore negli anni a seguire del 20-30%.

Oggi possiamo permetterci il lusso di non correre questo rischio con una serie di indagini di approfondimento, come la colposcopia e la biopsia, ed eventualmente con la rimozione chirurgica della zona identificata come sede di una lesione ad alto rischio oncogeno. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 03:25 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X