Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > Candida o altro?
Segna Forum Come Letti

   

Candida o altro?

sibeling
 

Ciao a tutti e scusate il papiro che andrò a scrivere.
Allora, tutto è partito da quella che pensavo fosse una dermatite dovuta alla combinazione ciclo-sudore-assorbente. Avevo aiutato una mia amica a fare un trasloco, il giorno dopo mi trovo la zona vulvare quasi viola, fino alla zona perianale, pelle irritatissima al tocco. Non metto nulla, spero passi una volta finito il ciclo. Una volta finito il ciclo il rossore si attenua ma parte un prurito assurdo. Il ginecologo (al telefono) sospetta candida e mi da un ovulo di sertagyn e lorenil crema. In una settimana il prurito passa e il rossore in zona vulvare pure. Comincio però ad arrossarmi nella zona anale e poco più sotto, piccole chiazze rosse che poi si espandono fino a formare una zona rossa e spellata. Va e viene a giorni, questo per tutto il mese di agosto finché qualche giorno fa questi puntini rossi arrivano all'ingresso della vagina, non dentro ma nella zona della pelle esterna. Comincio a farmi rossa anche lì, ma oltre a quelle piccole chiazze rosse che poi si uniformano e rendono rossa tutta la pelle ho anche dei piccoli puntini bianchi, non in rilievo, sembrano un tutt'uno con la pelle, simili a piccole afte. Non sono sempre presenti, infatti il ginecologo durante la visita (questa volta dal vivo) non le ha notate, ma lui insiste con la diagnosi di candida. Sono andata a farmi vedere anche perché la sera prima mi si erano formate delle piccole bollicine rosse sopra il clitoride, che io ho grattato e dalle quali ho fatto uscire anche un p' di sangue. (il giorno dopo sparite e ieri sera tornate)
Ho perdite e a volte bruciore e prurito, sì, ma più dovuti all'infiammazione esterna e specie a quei puntini bianchi sulla pelle, che non mi risulta da nessuna parte siano un sintomo di candida, e nemmeno quelle bollicine che poi formano una sorta di ''erosione'' sopra il clitoride.
Qualcuno mi può aiutare? Magari chi ha sofferto di candida con manifestazioni cutanee.

MIGLIOR COMMENTO
Minerva75
Ciao.
Magari un bel tampone vaginale con ricerca di germi e batteri comuni oltre ad antibiogramma e antimicogramma chiarirebbe definitivamente la situazione.
Oltre a un tampone esterno delle zone "malate" .
__________________
Le mani che aiutano sono più sante delle labbra che pregano (R.G.Ingersoll)

Ricordo a tutti gli utenti e ai nuovi iscritti,prima di aprire una nuova discussione,di utilizzare la funzione "CERCA"
e di attenersi al Regolamento generale del Forum e di Sezione
Leggi altri commenti
sibeling
 

Ce l'ho in programma per martedì, infatti nel frattempo sto crepando perché non posso mettere nulla.
Inoltre la sostituta del medico ha solo messo ''tampone vaginale completo'', nella richiesta, spero sia valido comunque.

sibeling
 

Nessuno che mi può dare il suo parere?

Minerva75
 

Scusami,cosa vorresti sentirti dire?
L'unica risposta certa possono darla il tampone e una visita ginecologica accurata.

sibeling
 

Tampone negativo praticamente a tutto. Quindi ora mi attacco.

Minerva75
 

Citazione:
Originariamente Inviato da sibeling Visualizza Messaggio
Tampone negativo praticamente a tutto. Quindi ora mi attacco.
Un bel tampone esterno,sulle zone colpite da questo fenomeno o una visita dermatologica ?

sibeling
 

Ero infatti dubbiosa se consultare un nuovo ginecologo, visto il problema ''misto'' (perdite, pruriti e irritazione esterna) o rivolgermi direttamente ad un dermatologo. Il tampone esterno però lo può fare/prescrivere solo un dermatologo, giusto?

Minerva75
 

Per quel che ne so, puoi andare direttamente presso un laboratorio analisi e farlo.
Ti consiglio, data l'entità del fastidio ,di recarti da un bravo ginecologo o da un dermatologo venereologo.
Le perdite come sono?

sibeling
 

Chiedevo perché non saprei che dicitura far mettere al medico di famiglia.. Tampone esterno per la ricerca di..? Per quello pensavo fosse più precisa la prescrizione di un dermatologo.
Comunque per il ''buon'' ginecologo devo andare un po' a caso perché non ho nessuno che possa consigliarmi.. Il massimo che posso fare è qualche ricerca su internet.. E chi mi capita mi capita. Di sicuro non posso permettermi primari rinomati o simili, al momento.
Domani comunque mi deve arrivare il ciclo, quindi devo stare ferma ad aspettare un'altra settimana.
Le perdite sono molto abbondanti e bianche, molto dense. Un paio di giorni fa sembravano proprio quelle classiche ''a pezzi'' della candida.. Sinceramente penso il tampone non abbia rilevato nulla per errore.. Anche se oggi ho letto molto a proposito del Lichen e mi sta venendo un forte dubbio
E ora ho notato delle lacerazioni verticali in varie zone, lungo il margine fra le grandi e piccole labbra, come dei tagli. Sempre meglio.

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr.ssa Rosa Alba Portuesi

Dr.ssa Rosa Alba Portuesi
Nome:
Rosa Alba Portuesi
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologa
Specializzazione:
Ginecologia e Ostetricia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Dr.ssa Portuesi, quali sono le altre indagini diagnostiche consigliate dopo un Pap test o HPV test positivi?
In caso di Pap test alterato e/o test virale positivo, le indagini diagnostiche procedono con una colposcopia, che permette al ginecologo di identificare la zona della lesione. In caso di dubbio si può praticare anche una biopsia, cioè un approfondimento di seconda istanza per valutare l'effettiva gravità della lesione. In caso di biopsia positiva, cioè certezza diagnostica di una lesione di alto grado, che dunque potrebbe esporre la paziente ad un maggior rischio di tumore, si può intervenire rimuovendo quel pezzetto del collo dell'utero in cui ha sede la lesione.

Siamo però sempre nell’ambito della prevenzione. La paziente sta bene, non stiamo cercando una terapia, ma stiamo cercando di non arrivarci. La paziente che sta per sottoporsi a colposcopia e/o biopsia deve sapere che a, causa delle alterazioni cellulari e delle lesioni identificate dagli esami precedenti, potrebbe essere a rischio, in futuro, di sviluppare un tumore. E che si tratta di gestire al meglio questo rischio. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 16:47 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X