Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > MST - Malattie sessualmente trasmissibili > Amebiasi
Segna Forum Come Letti

   

Amebiasi

kaya
 

Mi rivolgo in particolare al medico essendo un caso un pò particolare. All'incirca un mese fa mio cognato in vacanza fuori città, cominciò ad avere dei disturbi urinari (ha già sofferto lo scorso anno di una infezione da stafilococco mannitolo) senza peraltro iniziare alcuna cura, poichè all'incirca 20 anni fa ebbe uno shock anafilattico e da allora, fatta eccezione per tachipirina e poche altre, non prende medicine se non in casi di estrema gravità. Tornato a casa cominciò ad avere forti bruciore, impossibilità a urinare e qualche scarica diarroica. Il medico di famiglia gli diagnosticò una prostatite e gli prescrisse il CIPROXIN; dopo poche compresse la diarrea e i dolori addominali divennero più frequenti fino a 7-8 volte al giorno e cominciò qualche linea di febbre. Due settimane fa il ricovero in ospedale in Chirurgia generale: ricominciarono il ciproxin, lo smisero, gli diedero dei disinfettanti intestinali, in attesa dei risultati della coprocultura. La prima diagnosi fu COLITE PSEUDOMEMBRANOSA, causata probabilmente dal ciproxin che aveva devastato a detta dei medici la flora intestinale. Nonostante la diagnosi e le nuove cure le condizioni non facevano altro che peggiorare fino alla totale immobilità a letto, causata da dolori addominali acutissimi e febbre alta. Una tac d'urgenza non ha dato risultati di alcun tipo. Tre giorni fa la nuova diagnosi: la coprocoltura ha evidenziato la presenza nelle feci di un parassita l'AMEBA, tipico dei paesi tropicali, che si prende per via oro-fecale ingerendo acqua o alimenti contaminati. Non avendo fatto alcun viaggio in posti del genere, si è concluso che il virus sia stato contratto in un campeggio del sud Italia probabilmente mangiando ortaggi crudi lavati con acqua di pozzo contaminatae che il parassita, trovando il fisico già debilitato abbia attecchito con più facilità. Mi scuso per essermi dilungata ma ora arrivo al punto: premesso che stanno trattando mio cognato con METRONIDAZOLO e CIPROXIN (probabilmente per la prostatite), la cosa che mi preoccupa è la febbre alta che ormai lo accompagna dal suo ricovero in ospedale...i medici del reparto MALATTIE INFETTIVE dove è stato trasferito, dicono che non ci sono altre patologie (hanno anche ripetuto la tac, anche stavolta negativa) che la febbre è dovuta all'ameba e che occorre solo aspettare che i farmaci facciano effetto. Io, girando un pò su internet, ho letto OVUNQUE che l'amebiasi NON DA FEBBRE se non quando il parassita oltrepassa le pareti intestinali e attacca il fegato provocando degli accessi...dopo 1 mese di dolore intenso e febbre alta mio cognato è allo stremo delle forze...possiamo confidare che realmente sia solo un problema di tempi di guarigione?

MIGLIOR COMMENTO
Maurooruam
Riguardo alla sintomatologia da Ameba (non è un virus, è un protozoo) non so dirti niente. Quello che posso dirti (sono laureato in farmacia) è che il metronidazolo viene somministrato a tuo cognato come antiamebico. Infatti è questo il farmaco di prima scelta in questa patologia perché in genere è il più efficace e quello con meno effetti collaterali.
In bocca al lupo!
__________________
Moderatore di Erbe e Rimedi Naturali

Naturale NON è sinonimo di innocuo[/color]
_______________________________________
Le erbe interagiscono con altri farmaci!!!
Continua a leggere...
kaya
 

grazie per avermi risposto...stasera purtroppo lo hanno operato d'urgenza ed hanno asportato il colon e parte dell'intestino retto è a rischio di una successiva asportazione....una violenta colite causata a quanto pare dall'ameba stessa ha fatto parecchi danni a tutto l'intestino....spero che da oggi ci siano solo miglioramenti...

Carica altri commenti...
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 07:29 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X