Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Pianeta famiglia > Vita in famiglia: genitori, figli e non solo > Gravidanza > Flebite ad un Piede durante la Gravidanza (con FOTO)
Segna Forum Come Letti

   

Flebite ad un Piede durante la Gravidanza (con FOTO)

luccadomina
 

Ciao a tutti, e grazie in anticipo a colore che potranno aiutare...

Mia moglie è allla 33esima settimana di gravidanza. (Terzo Figlio)
Già da tempo lamenta dolore alle gambe tipo crampi e muscolare. Prende tutti i giorni il POLASE che un pò l'aiuta ma il dolore c'è sempre.

Domenica sera, così dal nulla è spuntata una pallina proprio sopra le venature del piede. A toccarla le fa male... Subito Lunedì mattina ha visto ginecologa e fatto visita Ecodopler per paura di trombosi - ma la diagnosi è stata che le Vene principali sono tutte normali. Quindi secondo dottoressa della Ecografia è CISTE sottocutanea, poi dottore specialista VENE ha smentito l'ecografia dicendo invece che riguarda la VENA tipo flebite. Tutto questo dopo aver speso 350 euro!

ed in conclusione hanno prescritto: Aspirina 375 mg una volta al giorno dopo cena. Ma siccome siamo in piena gravidanza è opportuno prendere l'aspirina ogni giorno?

Cosa consigliate? Grazie a tutti e un caro Saluto,
Romeo

Anteprime Allegati
photo 11.jpg   photo 22.jpg   photo 33.jpg   photo 44.jpg   photo 55.jpg  

MIGLIOR COMMENTO
Prof. Dr. Luca De Siena
Cara Signora ,
esegua impacchi caldo / umidi sulla nodosità al piede e favorirà il riassorbimento del coagulo.
Cerchi di muoversi e di non rimanere a letto.
L'aspirina risulta piuttosto scomoda ( anche in funzione di un parto ) perchè dal momento della sospensione la sua attiività persiste per altri 5-6 giorni e tale effetto non è neutralizzabile altrimenti.
Ben più comoda l'eparina a basso peso molecolare che Lei potrebbe usare ( visto la localizzazione distale della flebite ) per qualche settimana soltanto ( a meno che la flebite non si propaghi ).
__________________
Prof. Dr. Luca De Siena
Studio Medico Via Puccini, 8
Riccione (RN)

Ulteriori località di attività ambulatoriale:
San Benedetto del Tronto- Senigallia-Fano-Pesaro- Tavullia- Savignano sul Rubicone-Padova.

Per prenotazioni telefonare al n° 3387113260
Leggi altri commenti
Bibi66
 

Ciao visto che hai anche le foto ti consiglio di spostare la discussione su "Flebologia e malattie venose" e barrare la casella qui sotto che richiedi la risposta di un medico. Ciao e auguri

carluis
 

Ciao,io non so se è flebite...cm per l'aspirina non credo ci siano problemi...io ho fatto eparina in punture per tutta la gravidanza del mio secondo figlio per un mio problema al sangue.......

Pacy
 

ho provveduto alla visualizzazione di questo 3D anche in "Flebologia e malattie venose"

luccadomina
 

Volevo aggiornare questa chat con un'altra foto.

Mia moglie ha cominciato a prendere l'aspirina 375mg ieri sera... e per ora non abbiamo notato benefici sulle vene del piede, Sembrano un pò tutte gonfie...

Qualcuno ha per caso dei rimedi un pò più naturali o idee per poter ridurre il gonfiore delle vene?

Anteprime Allegati
photo (3).jpg  
carluis
 

Ma l'aspirina non sgonfia le vene!!
La sua funzione è rendere il sangue più fluido in maniera da evitare trombosi!!!! e poi non è che come prendi una pastiglia avviene il miracolo! ogni medicina impiega del tempo a manifestare i suoi effetti!
Di a tua moglie di stare meno tempo in piedi,o cmq dovrebbe stare con le gambe distese per facilitare il ritorno venoso....e cmq è normale in gravidanza che la circolazione ne risenta,il volume di sangue aumenta e le vene sono sempre le stesse....a me per esempio la prima gravidanza ha regalato una fascia di piccoli capillari sulla coscia a mò di giarrettiera......e quella ormai me la tengo.....per fortuna solo quella.....ma è uno dei prezzi da pagare per essere mamma....

Prof. Dr. Luca De Siena
 

Cara Signora , è proprio certa che il circolo venoso superfìciale sia indenne da reflussi? Comunque se si tratta di una flebite documentata all' ecodoppler dato che ci si avvicina al periodo del parto ritengo scomoda la cardioaspirina ( il cui effetto si mantiene per 5-6 giorni anche dopo la sua sospensione corrispondente alla vita media delle piastrine ) e sarebbe più idonea l'eparina sottocutanea.

__________________
Prof. Dr. Luca De Siena
Studio Medico Via Puccini, 8
Riccione (RN)

Ulteriori località di attività ambulatoriale:
San Benedetto del Tronto- Senigallia-Fano-Pesaro- Tavullia- Savignano sul Rubicone-Padova.

Per prenotazioni telefonare al n° 3387113260
Prof. Dr. Luca De Siena
 

Gentile Utente , le vene sembrano piuttosto in tensione ed i piedi succulenti.
E' importante incrementare la motilità ( camminare ) e mantenere un decubito antideclive notturno. Portare tutori elasticizzati ( gambaletti di 1^ kl ) e -se non controindicato dal ginecologo per contrazioni....- sarebbe utile attività fisica blanda in acqua .
Se presente flebite , e se il sistema venoso safenico insufficiente sarebbe da procedere alla Eparina a basso peso molecolare.
Cordialità

__________________
Prof. Dr. Luca De Siena
Studio Medico Via Puccini, 8
Riccione (RN)

Ulteriori località di attività ambulatoriale:
San Benedetto del Tronto- Senigallia-Fano-Pesaro- Tavullia- Savignano sul Rubicone-Padova.

Per prenotazioni telefonare al n° 3387113260
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Mario Fadin

Dr. Mario Fadin
Nome:
Mario Fadin
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologo, Direttore Sanitario del Centro Medico Sempione di Milano
Specializzazione:
Ostetricia e Ginecologia
Contatti/Profili social:
email sito web facebook
Domanda al medico
Dr. Fadin, posso mangiare al ristorante cinese, giapponese o indiano in gravidanza?
Naturalmente sì: miliardi di donne nel mondo si nutrono in gravidanza di cibi della cucina cinese, giapponese o indiana! L’importante è che si tratti di ristoranti curati dal punto di vista igienico, una regola che ovviamente vale anche per i ristoranti di cucina italiana.

Il pesce crudo può contenere un parassita, l’Anisakis simplex, che può provocare, se ingerito, parassitosi acute o croniche con gravi conseguenze per la salute, indipendentemente dalla gravidanza. La cottura a 60 gradi o il congelamento per un minimo di 96 ore uccidono il parassita e in Italia per legge i ristoranti che servono pesce crudo devono congelarlo preventivamente per scongiurare il rischio di contaminazione. Se si acquista il pesce privatamente con l’intenzione di consumarlo crudo a casa, è necessario tenerlo in congelatore almeno per quattro giorni. La marinatura non è sufficiente per uccidere il parassita.

In generale, la scarsa igiene nella preparazione e nella conservazione degli alimenti espone al rischio di gastroenteriti, salmonellosi ed epatite A, che non comportano rischi specifici durante l’attesa, ma nuocciono alla salute generale della futura mamma e di riflesso a quella del feto.

I cibi piccanti o molto speziati caratteristici di alcune cucine non sono controindicati in gravidanza, ma possono accentuare disturbi già presenti come i bruciori di stomaco e le emorroidi.

   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 19:16 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X